Milano, la ripartenza della scuola assieme al progetto TAC dell'Istituto 'Pizzigoni': spettacoli e incontri per un'ampia accoglienza

Milano, la ripartenza della scuola assieme al progetto TAC dell'Istituto 'Pizzigoni': spettacoli e incontri per un'ampia accoglienza

La campanella suona e i cancelli riaprono: è tempo di ripartenze per la scuola italiana. A Milano, l’Istituto Comprensivo 'Rinnovata Pizzigoni' dà il suo speciale bentornato agli alunni attraverso il progetto TAC – TeatroAttivaCultura, giunto alla sua fase conclusiva, e arricchita di nuovi spettacoli e incontri volti a promuovere la scuola come luogo di sperimentazione e accoglienza, aperto alla cittadinanza.

 

 

Leggi anche - 'Identità Milano 2021', Michelangelo Mammoliti special guest della 16^ edizione

 

Vincitore nel 2019 del bando promosso dal MiBACT “Scuola attiva la cultura” nell’ambito del Piano “Cultura Futuro Urbano”, il progetto TAC è stato ideato dagli insegnanti dell’Istituto Comprensivo "Rinnovata Pizzigoni" di Milano e ha l’obiettivo di trasformare la scuola in un centro di educazione e cultura diffusa, a disposizione della comunità. Il tutto sarà realizzato con una serie di incontri, laboratori, mostre e spettacoli volti a promuovere l’inclusione sociale.

TAC vede la scuola come spazio aperto a tutti, è la scuola oltre la scuola: polo culturale, motore di rinnovamento, luogo di apprendimento condiviso in cui associazioni multiculturali, cittadini, educatori, docenti e alunni lavorano insieme per consolidare la coesione sociale, favorire l'integrazione, educare al senso di comunità. Nonostante l’intermittenza imposta dall’avvento della pandemia, nell’ultimo anno e mezzo l’istituto milanese ha rappresentato un riferimento per il quartiere e la città intera per le numerose iniziative di arte e intrattenimento gratuite realizzate.

 

«La campanella ha per noi un valore fortemente simbolico. Sono ricominciate le lezioni in sicurezza e riparte il progetto TAC che vede l’Istituto Comprensivo Rinnovata Pizzigoni al lavoro affinché la scuola vada oltre la scuola e il teatro possa entrarvi il più possibile vedendo riconosciuto il suo valore formativo e terapeutico», commenta Giovanni Ascione, docente della Scuola Media Puecher e responsabile del progetto TAC -TeatroAttivaCultura. «Siamo rimasti piacevolmente colpiti dalla partecipazione numerosa degli alunni e della comunità locale nella prima fase del progetto, nonostante le interruzioni e limitazioni dovute alla convivenza con la pandemia. Insieme alla nostra Dirigente Anna Teresa Ferri, rinnoviamo l’invito ai prossimi appuntamenti in programma e a sostenere l’affermarsi della scuola come uno spazio democratico, presidio culturale permanente e inclusivo».

 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 13 Settembre 2021, 13:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA