Papà uccise il suocero accusato di aver violentato la figlioletta di 8 anni: il pm chiede l'ergastolo

Papà uccise il suocero accusato di aver violentato la figlioletta di 8 anni: il pm chiede l'ergastolo

Lo scorso febbraio aveva ucciso a colpi di pistola il suocero, che era indagato per aver abusato della figlioletta: accadde a Rozzano, dove un 35enne, aiutato da un complice 27enne (che guidava lo scooter da cui partirono i colpi) aveva scelto di vendicarsi così del nonno della bambina.

Leggi anche > Lite su Instagram diventa rissa in strada: botte tra ragazzine 14enni

L'omicidio avvenne il 25 febbraio scorso in un parco nel comune dell'hinterland milanese. Oggi il pm di Milano, Monia Di Marco, ha chiesto due condanne all'ergastolo sia per il presunto killer che per il complice. La richiesta per omicidio premeditato aggravato è stata formulata nel processo con rito abbreviato davanti al gup Aurelio Barazzetta. Processo che è stato rinviato al prossimo 9 gennaio per la sentenza.  

Leggi anche > Stuprata dal branco a 13 anni, costretta a emigrare al Nord col papà

Quel 25 febbraio, al Palazzo di Giustizia di Milano, si era concluso un incidente probatorio nel quale la bimba di otto anni aveva parlato degli abusi che avrebbe subito dal nonno. E in quell'occasione, davanti al giudice e alla madre della piccola, ossia la figlia del 63enne ucciso, era arrivata la conferma dei racconti già resi dalla bambina alla polizia in un'audizione protetta. 

Ultimo aggiornamento: Giovedì 12 Dicembre 2019, 15:55
© RIPRODUZIONE RISERVATA