Milano choc, bimba di otto mesi in fin di vita: presa a calci e pugni dal compagno della madre

L'uomo è stato arrestato e avrebbe già ammesso le sue colpe agli investigatori, ma i familiari avrebbero mentito sull'accaduto per coprirlo

Milano choc, bimba di otto mesi in fin di vita: presa a calci e pugni dal compagno della madre

Una bambina di otto mesi è in fin di vita dopo essere stata presa a calci, schiaffi e pugni dal compagno della madre. È accaduto a Casarile (Milano).

Parto in casa diventa tragedia: morta la neonata, grave la mamma. Non sapeva di essere incinta

Bambina picchiata dal patrigno, è gravissima

Il tentato infanticidio è avvenuto ieri pomeriggio, in un appartamento di via Cristoforo Colombo. La piccola è ora ricoverata in condizioni disperate all'ospedale di Bergamo. Il patrigno, fermato dalle forze dell'ordine, avrebbe già ammesso le sue responsabilità davanti agli investigatori.

L'allarme dato dalla nonna

È stata la nonna, nel pomeriggio di ieri, a chiamare i soccorsi, anche se i familiari avevano spiegato ai sanitari del 118 che la piccola era caduta dal seggiolone. La bambina era stata portata al Policlinico San Matteo di Pavia, ma a causa delle sue gravissime condizioni, i medici hanno optato per il trasferimento a Bergamo.

La bugia dei familiari

I medici, notando la gravità delle ferite riportate, non avevano creduto alla versione della caduta dal seggiolone e hanno avvertito i carabinieri. I militari hanno quindi fermato il patrigno, ma stanno continuando gli accertamenti sull'episodio, per appurare eventuali responsabilità di altri familiari. In particolare, è al vaglio la posizione della nonna della bambina, che avrebbe coperto il compagno della figlia.


Ultimo aggiornamento: Domenica 2 Ottobre 2022, 20:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA