Milano, torturò e uccise il figlio di due anni: chiesto l'ergastolo per Alija Hrustic
di Enrico Chillè

Milano, torturò e uccise il figlio di due anni: chiesto l'ergastolo per Alija Hrustic

Chiesto l’ergastolo (con nove mesi di isolamento diurno) per Alija Hrustic, il 26enne imputato per l’omicidio del figlio, avvenuto nel maggio 2019 in via Ricciarelli. Il piccolo Mehmet, di due anni, morì per una lesione alla testa che, secondo la pm Giovanna Cavalleri, era stata inferta dal padre al termine di una notte di sevizie gratuite, comprese ustioni per le bruciature di sigarette.

 

Leggi anche > Denuncia choc: «Mia mamma è morta a 68 anni, perché il vaccino è arrivato tardi». La lettera contro la Regione Lombardia

 

Hrustic è accusato di omicidio volontario, tortura e maltrattamenti, tutti aggravati. L’uomo si era difeso sostenendo che i colpi letali erano stati inferti dalla moglie, che si è costituita parte civile e che oggi vive in una comunità insieme al figlio di cui era incinta al momento della morte di Mehmet. Secondo l’accusa, invece, la donna, oggi 25enne, era vittima della violenza del marito. Un mese prima dell’omicidio, la donna avrebbe anche chiamato il 112 mentre Hrustic picchiava il bambino con una cintura sulla schiena, per poi riagganciare dopo pochi squilli. Quando i soccorsi avevano richiamato, Hrustic avrebbe risposto dicendo che erano state le bambine a telefonare per sbaglio.


Ultimo aggiornamento: Martedì 18 Maggio 2021, 10:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA