Incidente in moto, Massimiliano muore a 37 anni: lascia la compagna e il figlio di tre anni

L'incidente a Como: la moto di Massimiliano si è schiantata contro tre auto sulla via Napoleona

Incidente in moto, Massimiliano muore a 37 anni: lascia la compagna e il figlio di tre anni

Si trovava a Como, sulla via Napoleona, quando in sella alla propria moto si è schiantato contro tre auto che viaggiavano in senso opposto. Un incidente fatale per Massimiliano Travascio, 37enne di Lazzate, che è morto sul colpo. La moto, una Suzuki di grossa cilindrata, dopo l'impatto era irriconoscibile.

Leggi anche > Auto come un proiettile contro un albero: Samira muore a 23 anni

L'incidente è avvenuto due giorni fa a Como. Da una prima ricostruzione della polizia locale, Massimiliano Travascio avrebbe perso il controllo della moto in corrispondenza di una leggera curva, andando a invadere la corsia opposta. Qui, dopo un primo, lieve urto con un'auto, si è andato a schiantare contro una Smart, con la moto finita sotto la vettura e il 37enne che è stato sbalzato, finendo su una Peugeot che seguiva subito dopo. Massimiliano è morto sul colpo, mentre un bambino di un anno, che viaggiva sulla prima auto, è rimasto lievemente ferito dallo scoppio di un airbag: ricoverato in ospedale al Sant'Anna, le sue condizioni non sono preoccupanti. Lo riporta Il Giorno.

La notizia della morte di Massimiliano Travascio ha gettato nello sconforto e nel dolore l'intera comunità di Lazzate, dove viveva con la compagna Elena e con il figlio Leonardo, di tre anni. Di professione saldatore, sin da bambino aveva avuto una grandissima passione per i motori ed era anche volontario del Gvat, il gruppo di ausilio territoriale che si occupa di controllo del territorio e si occupa della sicurezza in occasione di eventi e manifestazioni. Andrea Monti, assessore a Lazzate, lo ha ricordato così: «Era tra i volontari più attivi del Gvat, aveva entusiasmo e si metteva a disposizione per i turni serali sul territorio, era un generoso, siamo vicini alla sua famiglia per questa terribile perdita».


Ultimo aggiornamento: Martedì 26 Aprile 2022, 15:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA