Maltempo, frane e smottamenti nel comasco. Paesi isolati e strade interrotte da corsi d'aqua. Un'anziana portata in salvo

Maltempo, frane e smottamenti nel comasco. Paesi isolati e strade interrotte da corsi d'aqua. Un'anziana portata in salvo

Il maltempo sembra non voler dare tregua all'Italia. Le violente piogge cadute sulla provincia di Como hanno causato frane e smottamenti lungo la statale 340, all'altezza di Laglio e Cernobbio. Un'anziana di Brienno ha avuto bisogno di aiuto. I vigili del fuoco sono intervenuti per portarla in salvo, bloccata in casa dai detriti. Ma non solo. 

 

Auto trascinate a valle dalla corrente di torrenti che hanno invaso le strade, cascate di solito invisibili che si sono messe a scaricare acqua e fango con inaudita violenza, strade interrotte in più punti per alberi e massi caduti a valle. Resta pesante la situazione nel Comasco per l'ondata di maltempo delle ultime ore, che ha colpito in maniera particolare la sponda occidentale del Lario da Cernobbio fino a Colonno e la valle d'Intelvi. Non a caso è la zona in cui le sponde sono molto ripide, con le montagne che scendono direttamente nel lago e dove l'acqua scaricata in grande quantità durante la notte, precipita a valle a velocità sostenuta. Non sono al momento segnalati feriti ma ingentissimi sono i danni. 

 

Leggi anche > Enzo Frassi, il jazzista è morto a Piacenza a 54 anni: la sua auto si è ribaltata in un canale

 

I vigili del fuoco sono intervenuti a Brienno, il Comune più colpito dall'ondata di maltempo, dove è stata portata in salvo un'anziana bloccata in casa da detriti. Tutti i torrenti che scendono a picco dalle montagne sopra il lago sono esondati, invadendo le strade e provocando ingenti danni nei centri abitati.

 

 Pesante la situazione a Cernobbio, dove varie rogge hanno invaso le strade e raggiunto le case. Sono molti i paesi isolati: la statale Regina risulta interrotta tra Cernobbio e Moltrasio, poi a Brienno e a Colonno, Impraticabile anche la via alternativa nel Basso Lario: la provinciale 71 è interrotta a Carate Urio e a Laglio (dove la furia delle acque ha spazzato via un pezzo di lungolago). Chiusa anche la provinciale Argegno-Schignano, problemi inoltre tra Nesso e Lezzeno, sulla sponda occidentale del lago, dove un camionista è stato evitato per un soffio da un'improvvisa caduta di massi, alberi e fango sulla carreggiata della ex statale Lariana, che resta interrotta anche all'altezza di Blevio. Centinaia i vigili del fuoco e i volontari, della protezione civile e non solo, chiamati per allagamenti e ripulire dai detriti. Sotto controllo, almeno per il momento, il livello del Lario che è comunque cresciuto nelle ultime ore. 

 

 


Ultimo aggiornamento: Martedì 27 Luglio 2021, 15:34
© RIPRODUZIONE RISERVATA