Incidente tram Milano, lacrime e dolore per Luca Marengoni dai compagni di liceo: «Riposa in pace»

Cordoglio del ministro Valditara, verifiche pm sulla velocità del tram a Milano

Luca morto sotto il tram a Milano, lacrime e dolore dei compagni di liceo: «Riposa in pace»

di Redazione web

Tanti fiori e un silenzio commosso: questa mattina gli studenti del liceo scientifico Einstein di Milano hanno reso omaggio così a Luca Marengoni, il 14enne morto ieri in via Tito Livio investito da un tram mentre stava andando a scuola in bici. Nell'atrio dell'istituto sono state accostate diverse cattedre sulle quali gli allievi hanno potuto deporre i fiori, un mazzo per ogni classe, sotto un cartellone con la scritta «Luca riposa in pace».

 

Lacrime e dolore al liceo Einsten per Luca Marengoni

 

Particolarmente scossi gli studenti della prima D, i compagni di scuola di Luca, che hanno lasciato dei biglietti, anche di sostegno ai genitori del ragazzo, o semplicemente una firma. Le preghiere e gli omaggi sono continuati per tutta la giornata, anche durante l'intervallo, e i ragazzi hanno affisso un cartellone con una foto di Luca, sorridente e con le cuffie, seduto dietro al suo banco.

Alla scuola è giunto in giornata anche il messaggio del ministro dell'Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara: «Porgo le mie più profonde e sentite condoglianze alla famiglia di Luca Marengoni», ha scritto Valditara. «Esprimo il cordoglio e la vicinanza del Ministero dell'Istruzione e del Merito e mia personale anche ai suoi compagni e ai suoi docenti del Liceo 'Einstein', per un lutto - ha concluso il ministro - che colpisce l'intera comunità scolastica milanese e italiana». Anche il sindaco di Policoro (Matera), Enrico Bianco, ha raggiunto Milano per testimoniare il cordoglio dell'intera cittadinanza.

 

Il 14enne trascorreva le ferie estive nella città jonica, dove è nata e ha studiato sino alla maturità scientifica la mamma Annamaria e dove ancora vivono i nonni. Sul versante delle indagini, la Procura di Milano sta valutando di disporre una consulenza cinematica, affidata a esperti, per verificare la velocità a cui viaggiava il tram che ieri mattina ha investito Luca. Nell'inchiesta, coordinata dal pm Maria Cristina Ria e condotta dalla Polizia locale, l'autista dell'Atm è indagato per omicidio colposo stradale, un atto dovuto per svolgere tutti gli accertamenti.

Le indagini per la morte di Luca Marengoni sotto il tram a Milano

Da una prima ricostruzione, è emerso che l'autista avrebbe suonato, ma si è trovato il ragazzino davanti, sui binari, e l'ha travolto senza riuscire a fermarsi, anche se ha riferito di aver tentato la frenata. In quel punto non sarebbe consentito l'attraversamento di pedoni o ciclisti. E mentre continua l'ascolto dei testimoni, è giunto oggi in Procura l'esito del primo accertamento: l'alcoltest effettuato sull'autista è risultato negativo. Si resta invece in attesa degli esami tossicologici completi. Gli investigatori, che stanno anche visionando le telecamere della zona, hanno disposto anche l'esame autoptico, oltre al sequestro della bicicletta e del tram, con la conseguente analisi della 'scatola nerà del mezzo dell'Atm.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 9 Novembre 2022, 20:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA