Il sindaco di Bergamo Gori: «Lombardia secreta i dati sui morti nelle province». La Regione replica: «Falso, non gli fa onore»

Il sindaco di Bergamo Gori: «Lombardia secreta i dati sui morti nelle province». La Regione replica: «Falso, non gli fa onore»
Continua la polemica in Lombardia sul coronavirus. Il sindaco di Bergamo Giorgio Gori questa mattina su Twitter ha commentato il dato dei 32 decessi per Covid di ieri, sottolineando come non si possa più sapere, dai numeri forniti dalla Regione, da dove vengano le vittime: «Leggo che in Lombardia ieri ci sono stati 32 decessi per Covid. Non si sa però dove, in quale provincia, perché la Regione non comunica più i dati divisi. Da quando abbiamo segnalato che i decessi reali erano molti di più di quelli "ufficiali", hanno secretato i dati per provincia», scrive Gori.

Leggi anche > Caos zone rosse in Lombardia, venerdì Conte sarà sentito dai pm

La sua città, Bergamo, è stata una delle più colpite dalla pandemia: strazianti le immagini dei camion dell'esercito che portavano via le salme perché i forni crematori della città erano stracolmi e non riuscivano più a smaltirle. 
«Neppure i dati sui guariti vengono più comunicati, e sì che sarebbero importanti per capire che oggi le persone ammalate sono poche. Spero che il nuovo Dg della Sanità Marco Trivelli parta da qui, dai dati e dalla trasparenza», aggiunge in un tweet successivo.
Al tweet di Gori si è unito il deputato del Pd Maurizio Martina, che ha condiviso con lui la problematica: «Mi associo alla richiesta del sindaco di Bergamo Giorgio Gori: regione Lombardia fornisca con grande trasparenza i dati dei decessi e dei guariti per ciascun territorio in modo preciso», ha twittato Martina.

LA REPLICA DELLA REGIONE 
«Quanto scrive il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori, non corrisponde al vero ed è privo di qualsiasi fondamento. La diffusione dei dati relativi al Coronavirus da parte di Regione Lombardia verso le autorità sanitarie e verso i mezzi di informazione non è cambiata e continua a essere la stessa»: così in una nota Regione Lombardia replica ai tweet del sindaco. «Sostenere, per alimentare la polemica politica e senza alcun riscontro veritiero, che la Regione 'secreti' i dati non fa onore a chi rappresenta le Istituzioni»
Ultimo aggiornamento: Giovedì 11 Giugno 2020, 12:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA