Incendio in un impianto petrolchimico: sei feriti, uno è grave. Il sindaco: «Rogo domato, ma non ancora spento»

Il rogo partito attorno alle 10 da una ditta vicina in via Monferrato, nella zona industriale alla periferia sud di Milano

Video

di Redazione web

Fiamme alte decine di metri, esplosioni e una densissima nube di fumo: un grande incendio è divampato questa mattina a San Giuliano Milanese, periferia sud di Milano, nell'azienda chimica Nitrolchimica che si occupa del recupero dei solventi e dello smaltimento di rifiuti pericolosi. Sul posto presenti 14 mezzi del 118 e dei vigili del fuoco. L'incendio sarebbe partito dalla ditta Tomolpack e si è andato estendendo alle ditte vicine, compresa quella di via Monferrato. 

Traghetto con 300 persone in fiamme in Svezia: paura a bordo, domate le fiamme. La nave sarà rimorchiata

Il sindaco: «Il peggio sembra passato»

«Il peggio sembra essere passato: anche se i vigili del fuoco dovranno lavorare ancora per diverse ore, l'incendio è domato, ma non ancora spento», ha detto poco fa all'ANSA il sindaco di San Giuliano Milanese, Marco Segala, che sta seguendo le operazioni di spegnimento del vasto rogo alla Nitrolchimica di San Giuliano Milanese. «I pompieri hanno autorizzato le aziende limitrofe a riaprire - aggiunge - con l'accortezza di tenere le finestre chiuse e gli impianti di condizionamento spenti. Fortunatamente non è stato necessario emettere ordinanze, perché i primi campionamenti dell'Arpa escludono conseguenze per la qualità dell'aria».

Pietra Ligure, esplode una bombola d'ossigeno in ospedale: fiamme e fumo, paura per 85 pazienti. Tre intossicati

Sono incendio colposo e lesioni plurime colpose in violazione di norme sulla sicurezza del lavoro le ipotesi di reato della Procura di Lodi per l'incendio che oggi a San Giuliano Milanese ha distrutto la Nitrolchimica, azienda che si occupa del recupero di solventi e dello smaltimento di rifiuti pericolosi Le ipotesi di reato potrebbero essere riformulate nelle prossime ore sulla base degli esiti delle indagini.

Bruciano migliaia di litri di solvente

L'incendio divampato nell'impianto della Nitrolchimica di San Giuliano Milanese sta bruciando migliaia di litri di solvente. È quanto si apprende dai soccorritori presenti sul posto. I vigili del fuoco, al lavoro con un centinaio di uomini, sono impegnati nelle operazioni di spegnimento, mentre le forze dell'ordine presidiano l'area. Il campionamento dell'aria viene effettuato anche con un elicottero, per valutare dove il vento stia trasportando il fumo.

«Nessuna criticità ambientale»

Prosegue l'intervento della squadra di emergenza Arpa sul luogo dell'incendio sviluppatosi in mattinata nell'azienda Nitrolchimica a San Giuliano Milanese. I tecnici - informa la stessa Arpa - stanno effettuando misurazioni speditive dell'aria con strumentazione da campo «senza rilevare al momento criticità significative sotto l'aspetto ambientale».

Sei feriti, sono dipendenti dell'azienda

Secondo le prime informazioni sei persone sono rimaste ferite, una delle quali in modo gravi, nell'incendio divampato questa mattina in una azienda petrolchimica a San Giuliano Milanese. Si tratterebbe di dipendenti dell'azienda. Quattro hanno riportato intossicazioni di lieve entità, due sono le persone ustionate, delle quali una in modo grave.

Le origini del rogo

Il rogo, come riportato dall'agenzia Arpa, si è sviluppato intorno alle 10. Alle 10.35 è stata attivata la squadra di emergenze di Arpa Lombardia che è al momento sul posto per valutare il livello di contaminazione atmosferica e il rischio chimico. 

 

Al momento non si conoscono ulteriori dettagli circa la dinamica dell'incidente. La colonna di fumo, alimentata dai solventi, è visibile a chilometri di distanza e la raccomandazione è quella di tenere le finestre chiuse


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 7 Settembre 2022, 18:10
© RIPRODUZIONE RISERVATA