Fiamme a Milano, a fuoco due capannoni pieni di rifiuti: allerta nube tossica. Ai residenti: «Non aprite le finestre»

  • 339
    share
E' stata una notte da inferno, quella tra domenica e lunedì, con due incendi in altrettanti depositi di rifiuti a pochi chilometri di distanza l'uno dall'altro, alla periferia di Milano.

Il primo incendio.  Un incendio di vaste dimensioni è scoppiato ieri sera intorno alle 20.30 nell'area nord di Milano, in via Dante Chiasserini, in zona Bovisasca e vicino a Quarto Oggiaro. Il rogo riguarda un capannone di rifiuti della Ipb e sul posto stanno operando numerosi vigili del fuoco, giunti in via Chiasserini con 13 mezzi. Fiamme altissime si sono sviluppate per tutta la notte.

Stamani sono ancora al lavoro i vigili del fuoco che da ieri sera stanno tentando di spegnere l'incendio scoppiato in un capannone a Quarto Oggiaro (Milano). «Quaranta vigili del fuoco al lavoro dalla serata di ieri per l'incendio nella zona di Quarto Oggiaro di un capannone industriale adibito a deposito rifiuti - si legge in un tweet dei Vigili del Fuoco - Resta chiusa la linea ferroviaria Milano-Novara. Operazioni di spegnimento in corso».

 
 

Il rogo è ora sotto controllo e non ci sarebbero rischi per le abitazioni vicine, anche se i residenti sono stati invitati a non aprire le finestre delle proprie abitazioni. 


 
Nell'incendio scoppiato questa sera è rimasto fortuitamente coinvolto un 49 enne che ha riportato un leggero trauma ed è stato trasportato all'ospedale Sacco in codice verde. Sul posto ci sono un'ambulanza e un'automedica del 118.

Molti i furgoni presenti nel deposito interessato dal rogo, molti dei quali sono già stati messi in sicurezza dai vigili del fuoco. Un'alta colonna di fumo è risultata visibile per ore da molti punti della città, anche a vari chilometri di distanza. 

La Procura di Milano ha aperto un fascicolo di indagine per individuare le cause dell'incendio di vaste dimensioni che è scoppiato ieri sera, nella zona nord del capoluogo lombardo, in via Dante Chiasserini, in zona Bovisasca. Il maxi rogo, l'ennesimo negli ultimi mesi in Lombardia, ha riguardato un capannone dell'azienda Ipb che si occupa di stoccaggio e smaltimento rifiuti. Si indaga per capire se il rogo sia doloso. Gli inquirenti attendono, comunque, gli atti degli accertamenti compiuti dagli investigatori.

Un altro incendio si è sviluppato, stamani prima dell'alba, nei capannoni di una ditta che si occupa di smaltimento rifiuti, in particolare carta da macero nel milanese. Sul posto, a Novate Milanese, i vigili del fuoco di Milano. Non risultano feriti. L'incendio è divampato circa cinque ore dopo l'altro vasto rogo che ha devastato un'altra azienda che stocca rifiuti in zona Bovisasca, a Milano

Domenica 14 Ottobre 2018 - Ultimo aggiornamento: 15-10-2018 14:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME