Greta Thunberg a Milano per Youth4Climate: «Vogliamo una giustizia climatica, sul clima dai leader solo bla, bla»

Greta Thunberg a Milano per Youth4Climate: «Vogliamo una giustizia climatica, sul clima dai leader solo bla, bla»

«Vogliamo una giustizia climatica, ora! I cambiamenti sono un'opportunità per tutti, non c’è un piano B, basta bla bla bla. La speranza è agire, dire la verità, i leader fanno solo finta di ascoltarci». Così Greta Thunberg ha esordito alla conferenza dello Youth4Climate / PreCop26 al Mico di Milano, l'evento preparativo della Cop 26 di Glasgow. L'attivista ha anche ribadito di riporre in questo evento «le stesse aspettative di molti altri incontri: molte chiacchiere». Arrivata a Milano ieri, è stata subito scortata nell'area tamponi per sottoporsi al test, obbligatorio per tutti, anche per chi ha il green pass, accerchiata dalla stampa. 

 

Leggi anche - Vertice sul clima, a raduno a Milano 400 giovani da tutto il mondo. La star è Greta

 

Presente al congresso anche il sindaco di Milano, Beppe Sala: «La città di Milano è orgogliosa di ospitare Youth4Climate e vorrei lodare la saggezza del governo italiano che ha deciso di essere parte di questo viaggio. Perché non siete qui per caso - ha detto rivolgendosi alla platea dei giovani di Youth4Climate -. I giovani - ha detto nel suo intervento al Mico - sono e continueranno ad essere una forza trainante del processo di sensibilizzazione verso i cambiamenti climatici. Avete prepotentemente chiesto la nostra attenzione sulla necessità di tutelare il pianeta e salvaguardare noi e le prossime generazioni. E ci serve la vostra energia a tutti i livelli per supportare queste iniziative». E aggiunge: «Questa necessità si sente ancora più forte oggi, perché non possiamo tutti uscire dalla pandemia senza essere cambiati».

 

 

 

Nella seduta plenaria d'apertura parola al ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani, il presidente della Cop26 Alok Sharma (in collegamento da remoto), il Segretario esecutivo UNFCCC Patricia Espinosa e l'attivista Vanessa Nakate.

«Le proteste dei giovani contro il cambiamento climatico sono utili, ma occorre lavorare insieme per trovare una soluzione -, ha affermato il ministro per la Transizione Ecologica, Roberto Cingolani. «Il cambiamento climatico e le disuguaglianze sociali globali devono essere trattati insieme - ha detto - non esiste un'unica soluzione. Spero che oltre a protestare, cosa che è estremamente utile ci aiuterete a identificare nuove soluzioni visionali, è questo quello che ci aspettiamo da voi». Il ministro ha ricordato: «Siamo qui 400 partecipanti di 186 Paesi e il compito della giornata odierna è ascoltare le vostre priorità, le vostre idee, proposte e raccomandazioni - ha spiegato ai giovani delegati dei vari Paesi riuniti al Mico di Milano -. Abbiamo bisogno della vostra visione e motivazione e del vostro coinvolgimento». E proseguendo: «Uniamo le forze - ha scandito - non dobbiamo rinunciare al nostro futuro e al futuro del nostro Pianeta, siete intervenuti per questo, lo dico come scienziato, l'ho fatto per 35 anni, come ministro temporaneo e come padre di tre bambini».

 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 29 Settembre 2021, 08:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA