Elezioni sindaco di Milano, Albertini non si candida: «Motivi personali»

Elezioni sindaco di Milano, Albertini si tira fuori: «Per ragioni personali non posso candidarmi»

Gabriele Albertini non ha accettato la candidatura sindaco di Milano per il centrodestra, Lo ha annunciato sul suo sito www.gabrielealbertini.com dopo giorni di voci, indiscrezioni e richieste dei partiti che compongono la coalizione. «Purtroppo - ha scritto oggi - devo comunicare che per un insieme di ragioni personali non posso accettare questa generosa opportunità offertami.» Albertini è stato sindaco di Milano per due mandati, dal 1997 al 2006. Sulla scelta di oggi l'ex sindaco aveva detto nei giorni scorsi che avrebbe sciolto le riserve proprio il 15 maggio, «il giorno dell'anniversario del mio primo giuramento da sindaco».

 

Leggi anche > Elezioni sindaco Roma, Raggi c'è. Zingaretti boh, Calenda insiste 

 

«In questo giorno a me caro - ha scritto Albertini -, che coincide con la data in cui nel 1997 ho giurato da sindaco per la prima volta, mi rivolgo ai concittadini milanesi, agli amici e sostenitori, ai leader del centrodestra: Matteo Salvini, Giorgia Meloni, e Silvio Berlusconi, al quale (ricoverato al San Raffaele. ndr) rivolgo con affetto un augurio di pronta guarigione». «Vi devo una risposta dopo settimane in cui ho sentito l'affetto e il sostegno di voi tutti - ha proseguito -. Alcuni sondaggi m'avevano indicato come possibile candidato vincente nella imminente consultazione elettorale per la scelta del sindaco di Milano. Purtroppo devo comunicare che per un insieme di ragioni personali non posso accettare questa generosa opportunità offertami. Né voglio mantenere questa incertezza che potrebbe danneggiare il corso della campagna»


Ultimo aggiornamento: Lunedì 17 Maggio 2021, 06:59
© RIPRODUZIONE RISERVATA