Donna trovata morta in casa nel Varesotto in una pozza di sangue: colpita più volte con una spranga FOTO

Le indagini al momento spaziano a 360 gradi dal delitto passionale alla rapina finita male.

Carmela, 73 anni, trovata morta in casa in una pozza di sangue nel Varesotto. Colpita più volte con una spranga FOTO

di Simona Romanò

Donna trovata morta in provincia di Varese, a Malnate. Il corpo senza vita di Carmela Fabozzi, 73 anni, era a terra nel suo appartamento in una pozza di sangue.

 

Alessia Pifferi resta in carcere per l'omicidio della figlia di un anno e mezzo: «Volevo un futuro con il mio compagno»

A dare l’allarme è stato, venerdì sera, 22 luglio, poco prima delle 20, il figlio che lavora in Svizzera e che di tanto in tanto passava dei periodi a casa con la madre residente in una abitazione ai piani superiori di una palazzina di corte nel centro della cittadina. Una volta entrato in casa la macabra scoperta. L’anziana mamma, vedova e di origini campane, era a terra con ampie ferite alla nuca. E' probabile che l'anziana donna sia stata più volte colpita con una spranga.

Schianto con la moto contro un autocarro: Luciano muore all'ospedale dopo quasi 24 ore di sofferenze

Cosa può essere successo: la ricostruzione

Dalla prima ricostruzione la porta della casa è stata trovata chiusa e non c'era disordine all’interno dell’appartamento. L’esame del medico legale lascia aperta ogni ipotesi anche se il quadro investigativo nel quale si sta muovendo l’Arma rientra in quello dell’omicidio. Le indagini sono coordinate dalla procura di Varese che ha disposto l’autopsia. Oltre al figlio, subito sentito dai carabinieri coordinati dal colonnello Gianluca Piasentin, in queste ore gli investigatori stanno sentendo anche i vicini di casa.

Nessuno pare abbia sentito nulla

Nessuno pare abbia sentito nulla. Né un grido, né una richiesta di aiuto, né trambusto o visto qualcuno scappare. I carabinieri del Nucleo Investigativo di Varese, al lavoro dalla tarda serata di ieri, hanno sigillato la scena del crimine e repertato ogni piccolo elemento utile ad identificare il killer. Impronte, tracce biologiche, così come eventuali immagini di telecamere di videosorveglianza della zona.

Sequestrato il telefonino della vittima

Sequestrato il telefonino della vittima, in modo da poter ricostruire le sue ultime ore di vita e capire se frequentava qualcuno , se il suo assassino è una persona da lei conosciuta e a cui ha aperto la porta di casa. L'alternativa è che la 73 enne si sia dimenticata di chiudere a chiave e sia stata sorpresa da un ladro, o che qualcuno sia riuscito a convincerla ad aprire e farlo entrare in casa. Ciò che lascia perplessi gli investigatori è che dall'abitazione non sembra mancare nulla. Nessun cassetto rovesciato, nessun armadio a soqquadro. Al momento si esclude l'aggressione a sfondo sessuale, seppure solo l'esame autoptico potrà chiarire definitivamente anche questo aspetto. 

Chi era la donna

La donna, vedova, viveva in una casa di corte della cittadina varesina, dove molti la conoscevano e la ricordano come una donna gentile, riservata che ogni giorno faceva la sua passeggiata in paese.

Il cadavere trovato dal figlio

A trovarla cadavere all'ora di cena, ieri sera, è stato il figlio che, da circa un mese, si era trasferito a Malnate dopo la fine del suo matrimonio. L'uomo, rientrato dal lavoro intorno alle 20, ha aperto la porta di casa, che non presentava segni di forzatura e scassinamento, e non era chiusa a chiave, e si è trovato davanti il corpo senza vita di Carmela, sul pavimento del soggiorno. Immediata la richiesta di aiuto al 112, ma quando i soccorritori sono arrivati sul posto, non hanno potuto fare altro che confermare il decesso.


Ultimo aggiornamento: Domenica 24 Luglio 2022, 20:53
© RIPRODUZIONE RISERVATA