Milano, si ferma per prestare aiuto: Vania travolta e uccisa, aveva 41 anni

La donna di 41 anni, ex impiegata della clinica Humanitas di Rozzano, era stata travolta nella notte da un'auto lungo la Tangenziale Est

Milano, si ferma per prestare aiuto: Vania travolta e uccisa, aveva 41 anni

Si era fermata lungo la Tangenziale di Milano, per soccorrere un motociclista ferito in un incidente. Appena dopo essere scesa dalla propria auto, però, la 43enne Vania Giglio è stata investita e uccisa da un'altra vettura.

Auto distrutte nello schianto: due morti sulla Statale

Vania Giglio, travolta e uccisa mentre soccorreva un motociclista

La tragedia è avvenuta nella notte tra sabato e domenica, tra le uscite Lambrate e Cascina Gobba, sulla Tangenziale Est di Milano. Davanti alla donna, poco dopo mezzanotte, si era appena verificato un incidente che aveva coinvolto un automobilista e un motociclista, rimasto ferito alla gamba. La donna, istintivamente, aveva fermato l'auto, accostando sulla corsia d'emergenza e chiamando il 118, ma una volta scesa è stata travolta da una Mercedes Classe A guidata da una 65enne, rimasta anche lei ferita nell'impatto. Vania Giglio, residente a Rho, era stata portata d'urgenza all'ospedale Niguarda, dove era anche stata operata d'urgenza, ma è morta nel pomeriggio di ieri: troppo gravi le ferite riportate.

Chi era Vania Giglio, la donna travolta e uccisa a Milano

Vania Giglio, 41 anni, era un'ex impiegata amministrativa dell'Humanitas di Rozzano. Forse è stata proprio l'esperienza lavorativa a far maturare in lei quell'istinto di generosità che le è stato fatale. Un gesto d'altruismo, assolutamente spontaneo, che merita di essere ricordato.


Ultimo aggiornamento: Martedì 12 Aprile 2022, 08:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA