Coronavirus, l'infermiere: «I contagiati arrivano in ospedale ansimando, come se avessero corso»

Coronavirus, l'infermiere: «I contagiati arrivano in ospedale ansimando, come se avessero corso»

L’emergenza coronavirus continua, anche se negli ultimi 4 giorni i contagi sono diminuiti costantemente: ma le vittime ogni giorno si contano sempre a centinaia, e non si vede la luce in fondo a questo tunnel. Soprattutto in Lombardia, dove gli ospedali sono al collasso e i numeri contano migliaia di contagi e di morti, col pericolo che la città di Milano venga travolta dalla pandemia, come sta già accadendo a Bergamo.

Leggi anche > Le richieste dei medici: «Tamponi per tutti e sbloccare forniture di mascherine»

Oggi il Corriere della Sera ha pubblicato la testimonianza di un infermiere, rimasto anonimo, che lavora all’ospedale Sacco di Milano, una struttura di riferimento nazionale per le malattie infettive, e da qualche settimana ospedale Covid. Le parole dell’infermiere fanno venire i brividi: «Qualche settimana fa molti arrivavano con sintomi lievi o medi. Ora sono un po’ meno, l’età media si è abbassata, intorno ai 55-60 anni ma anche ragazzi di 30 anni, e quasi tutti hanno bisogno immediato di ossigeno».

Leggi anche > Bergamo, morti altri tre medici: sono 36 le vittime tra i camici bianchi

La descrizione è scioccante: «Entrano in pronto soccorso con l’ossigeno nel sangue a 90, basso da far spavento: 40 atti respiratori al minuto, oltre il doppio del normale. Fanno quattro passi e ansimano come se avessero corso: su 20-25 pazienti che entrano in un turno di 7 ore, almeno 3 o 4 hanno bisogno del caso, il massimo livello di ossigeno prima dell’intubazione».

Il Sacco è uno degli ospedali più attrezzati per l’emergenza, essendo una struttura preparata contro il bioterrorismo, e con gli infermieri reperibili per la task force Ebola. E l’emergenza Covid-19 ha aumentato le misure di sicurezza, con aree d’emergenza per gestire nell’immediato i pazienti più gravi e aree di isolamento e sanificazione, racconta sempre l’infermiere, che però una speranza ce l’ha: «Ho visto i bambini col coronavirus, lo passano come un raffreddore. Loro saranno risparmiati da questa tragedia».
Ultimo aggiornamento: Giovedì 26 Marzo 2020, 15:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA