Coronavirus, il sindaco di Alzano: «No alla zona rossa? Ci chiediamo ancora perché. A Pasqua solo un contagio»

Coronavirus, il sindaco di Alzano: «No alla zona rossa? Ci chiediamo ancora perché. A Pasqua solo un contagio»

L'emergenza coronavirus ha colpito duramente la Val Seriana, nel bergamasco, e in particolare i paesi di Alzano Lombardo e Nembro: il sindaco di Alzano, Camillo Bertocchi, nel giorno del suo 44esimo compleanno ha parlato all'agenzia ANSA, dando una buona notizia. Nella settimana prima di Pasqua c'è stato un solo nuovo caso di positività al Covid-19: «C'è stato un solo contagio nella settimana prima di Pasqua. Ci aspetta ancora un lungo periodo di rigore ma lo affrontiamo con maggiore voglia e forza, perché i dati positivi ci incoraggiano».

Leggi anche > Vaccino italo-inglese, ad aprile test accelerati: «Da settembre si potrà usare»

Il sindaco della cittadina di 14mila abitanti, uno dei centri della Bergamasca più colpiti dal coronavirus, che dal 23 febbraio ha registrato «118 decessi, 95 in più dei primi tre mesi del 2019: per noi è tragedia al pari delle grandi guerre, forse ancora più cruenta perché repentina e inaspettata», ha parlato anche della mancata zona rossa in Val Seriana, che ha provocato furiose polemiche nelle ultime settimane. 

Leggi anche > Fontana: «Pensavo che il rallentamento sarebbe stato più veloce»

«Tutti ci chiediamo perché da noi non sia stata istituita la zona rossa. Va capito come mai non è arrivato l'ordine quando era tutto pronto. Spero ci sia una spiegazione motivata», ha detto. «Sapevamo perfettamente che era tutto pronto - ricorda -, i 300 militari, i turni per i varchi dei carabinieri, noi avevamo predisposto l'unità di crisi, la tenda della protezione civile. Si aspettava solo l'ordine, poi è stata fatta una scelta diversa». 


«Non ho parlato con la direzione ma con qualche medico e sono comprensibilmente demoralizzati. Dicono che hanno fatto e stanno facendo l'impossibile e sono mortificati dal fatto di essere sotto accusa», continua il sindaco di Alzano, il cui ospedale è sotto inchiesta per la gestione dei pazienti nell'emergenza coronavirus. «Come ne uscirà l'ospedale? Non ne ho idea. La chiarezza è importante - dice -. Ci vorrà ragionevolezza per capire cos'è successo cercando di comprendere anche contesto e circostanze, ma non spetta a me».

"LA RIPRESA NON SPAVENTA" «Fiàma de rar, sta la sènder brasca, ossia: fa fiamma raramente ma sotto la cenere c'è sempre la brace». Bertocchi ricorre a un proverbio bergamasco per chiarire che la gente della sua zona «è dura a morire» e che «non mi spaventa la ripresa» dopo l'emergenza coronavirus. «So che tutti ci metteranno il massimo, e serviranno sacrifici, anche nella pubblica amministrazione - dice all'ANSA - Nel dramma, spero che possa essere una occasione per una riforma importante, per rimettere al centro dell'attività pubblica competenza, ragionevolezza e fiducia nelle persone. Serve una riforma su procedure e verifiche, va reso tutto più snello, veloce ed efficace. Meccanismi burocratici oppressivi hanno rallentato tutto, gare d'appalto e bandi. I controlli vanno resi più stringenti ma con formule più veloci».


Ultimo aggiornamento: Lunedì 13 Aprile 2020, 14:49
© RIPRODUZIONE RISERVATA