Il sindaco Sala: «Sette giorni per la giunta». Da Maran a Feltri, i recordman delle preferenze
di Simona Romanò

Il sindaco Sala: «Sette giorni per la giunta». Da Maran a Feltri, i recordman delle preferenze

«La prospettiva è di avere i nomi della nuova giunta entra una settimana». Giuseppe Sala sulla nuova squadra sembra abbia già le idee chiare. «Una vicesindaca donna, perché la parità di genere è una delle nostre priorità. Le scelte degli assessori saranno fatte sulla base dei risultati elettorali, mantenendo sempre fede a principi di competenza e di passione politica e civile».

 

Leggi anche > Milano, Sala pigliatutto: «La destra è forte solo finché non la guardi da vicino»

 

E così andrà a guardare le preferenze ottenute dai suoi sostenitori, riconfermando (magari) alcuni assessori uscenti: verso un nuovo mandato potrebbe essere Pierfrancesco Maran (che era all'Urbanistica) e anche Anna Scavuzzo (alla Sicurezza, oltre che vicesindaca). Come new entry circolano, con insistenza, i nomi di Filippo Barberis (capogruppo uscente del Pd a Palazzo Marino) e di Lamberto Bertolè (presidente uscente del consiglio comunale).


PARTITI Il Pd si conferma il primo partito in assoluto: al 33,71%, alle 23, quando era stata scrutinata oltre la metà delle sezioni; il capolista Maran è recordman di preferenze, a quota 5958; a seguire Scavuzzo (2938) e Bertolè (1753). Buon risultato anche della Lista civica Beppe Sala sindaco che, in tarda serata, era al 9,15% con il capolista Emmanuel Conte a guidare la pattuglia con oltre 1150 preferenze. Per Europa Verde Carlo Monguzzi, tornato dopo l'esperienza nel Pd, guida la lista con 896 preferenze. In casa centrodestra, il boom è di Fratelli d'Italia che passa dal 2,4% del 2016 al 9,8% (dato delle 23), con il capolista Vittorio Feltri a 1598 voti; stabile la Lega che passa dal 11,77% al 10,72%, con Silvia Sardone prima nelle preferenze; crolla Forza Italia che scende dal 20,2 al 7,18%. Tonfo anche per il M5S dal 10,4% al 2,8% con Layla Pavone. Sorpresa per Gianluigi Paragone di Italexit che, a metà scrutinio, è oltre il 3%. Polverizzati gli altri, che non raggiungono l'1%, a eccezione di Gabriele Mariani, 1,54%, sostenuto dalle liste Milano in Comune e Civica Ambientalista.
MUNICIPI Per i presidenti dei 9 Municipi è pieno del centrosinistra. Municipio 1 (centro) Mattia Abdu al 62,20% contro il 33,37 di Federico Benassati. Nel Municipio 2 (Loreto, Monza, Zara) Simone Locatelli batte Luca Lepore 56% a 37%. Nel Municipio 3 (Città Studi, Lambrate) Caterina Antola al 56,70% contro Maurizio Gussoni al 31,17%. Nel 4 (Rogoredo, Romana, Forlanini, Corvetto) Stefano Bianco è al 54% contro i 35,31% di Paolo Bassi. Nel Municipio 5 (Vigentino, Ticinese) Natale Caratellese è al 54,26% contro il 36,5% di Alessandro Bramati. Nel Municipio 6 (Ticinese, Barona, Lorenteggio) Santo Minniti al 58,97% contro i 31,89% di Piermario Sarina. Nel Municipio 7 (San Siro, Baggio, Vercellina) Silvia Fossati prende il 52,54% e Simone Orlandi il 37,90%. Nel Municipio 8 (Gallaratese, Quarto Oggiaro, Certosa) Giulia Pelucchi 55% e Enrico Turato il 35,5%. Infine il Municipio 9 (Niguarda, Bicocca, Dergano, Affori) ha Anita Pirovano al 53,85% contro il 37 di Giuseppe Lardieri.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 6 Ottobre 2021, 08:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA