Legato a un albero e pestato per una spedizione punitiva, sette condannati: anche l'influencer Christina Bertevello

Legato a un albero e pestato per una spedizione punitiva, sette condannati: c'è anche Christina Bertevello

C'è anche la nota influencer Christina Bertevello tra i sette condannati per un pestaggio ai danni di un 18enne, avvenuto un anno e mezzo fa in provincia di Varese. Il gruppo aveva organizzato ai danni del ragazzo un vero e proprio agguato, con una spedizione punitiva conclusasi con un'aggressione in un bosco.

Leggi anche > Poliziotto choc, costringeva una 15enne a prostituirsi nei locali per scambisti. Un video per ricattarla, ma il padre scopre tutto

Il ragazzo, 18 anni, era diventato l'obiettivo di una spedizione punitiva per un presunto «sgarro» legato a un debito di droga e per aver fatto la spia ad uno spacciatore. La vicenda risale al novembre 2019, quando il giovane era stato attirato dal fidanzato di Christina Bertevello in un pub di Somma Lombardo (Varese). Da lì, il 18enne era stato portato dal gruppo in un bosco, dove era stato legato ad un albero, preso a calci e bastonate e minacciato con un trapano che gli aveva distrutto lo smartphone.

Leggi anche > Milano, ucciso di botte a due anni. Il papà condannato all'ergastolo, per la prima volta riconosciuto il reato di tortura

Sul caso hanno indagato i carabinieri di Gallarate: secondo la ricostruzione dei militari, Christina Bertevello (21 anni e oltre 700mila follower su Instagram) avrebbe accompagnato il 18enne ad un bancomat, costringendolo a ritirare 800 euro per darli a un 24enne con cui il fidanzato della influencer aveva un debito di droga. I sette giovani sono stati condannati con pene da tre anni e quattro mesi a tre anni e sette mesi. La condanna più alta è toccata a Omar Ampollo, il fidanzato della influencer, che però ha patteggiato.

Leggi anche > Milano, caso Di Fazio: sequestrate e narcotizzate per settimane. Nei verbali il racconto choc delle vittime

Christina Bertevello e altri tre amici sono stati condannati a tre anni e quattro mesi col rito abbreviato. «Dobbiamo leggere le motivazioni, ma ritengo che la sentenza sia stata da pugno di ferro, dato che l'accusa aveva chiesto due anni e due mesi», ha commentato l'avvocato difensore di Bertevello, Stefano Bettinelli, «il giudice ha ritenuto tutti praticamente colpevoli allo stesso modo». «Al netto delle motivazioni», ha aggiunto il legale, «faremo certamente ricorso, essendo lei incensurata».


Ultimo aggiornamento: Venerdì 28 Maggio 2021, 14:38
© RIPRODUZIONE RISERVATA