Zona rossa o arancione, Lombardia in bilico. Fontana: «Il governo vuole lo stop fino al 3 dicembre». Poi la telefonata con il ministro Speranza
di Simona Romanò

Zona rossa o arancione, Lombardia in bilico. Fontana: «Il governo vuole lo stop fino al 3 dicembre. Incomprensibile». Poi la telefonata con Speranza

 Rossa o arancione? La decisione sul destino del colore di Milano e della Lombardia sarà presa probabilmente oggi dal governo. Ieri una giornata di tira e molla. Nel pomeriggio, il governatore Attilio Fontana, dopo un primo vertice con Roma, ha sbottato: «Il governo vorrebbe mantenere la Lombardia in zona rossa, con le restrizioni più severe, fino al 3 dicembre». Evidente tutta la sua contrarietà. «Dopotutto siamo da due settimane pienamente nei parametri previsti per il passaggio. Non farlo significa non fotografare la realtà dei fatti e non considerare i grandi sacrifici dei lombardi», ha sottolineato Fontana. Poi, in serata, lo spiraglio, dopo la telefonata avuta con il ministro della Salute Roberto Speranza: «Ho avuto un confronto schietto e diretto con il ministro. Entrambi condividiamo che, secondo il modello delle zone predisposto dal governo, la Lombardia abbia tutti i requisiti per passare da quella rossa a quella arancione. Ci siamo lasciati con l’impegno di riaggiornarci molto presto per verificare quella che realmente può essere la data giusta per allentare le misure restrittive nella nostra regione».

 

Natale, verso il Dpcm: conferma degli orari del coprifuoco per le festività. No mobilità fra regioni. A scuola dal 7 gennaio

 

I dati dimostrano un rallentamento del virus, ma a incidere in modo negativo potrebbe essere il numero dei decessi, sempre molto elevato: ieri 207 in Lombardia (mercoledì 155) per un totale di 21.212 da inizio pandemia. In miglioramento, invece, i ricoveri in terapia intensiva (- 8); 118 i nuovi ricoverati negli altri reparti. Infine, a fronte di 44.231 tamponi effettuati i nuovi positivi sono 5.697, con un rapporto del 12,8% tra contagiati e test processati. In calo, i casi nella Città Metropolitana: 2.060 (2.261 mercoledì); di questi a Milano città sono 1.020. Intanto, l’assessorato al Welfare ha anticipato che saranno «oltre 200mila i soggetti coinvolti nella prima fase di somministrazione del vaccino Covid», fra operatori sanitari degli ospedali pubblici, ospiti e personale della case di riposo.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 27 Novembre 2020, 10:56
© RIPRODUZIONE RISERVATA