Milano, Area C: il Covid fa slittare il "giro di vite" sui divieti in centro
di Simona Romanò

Milano, Area C: il Covid fa slittare il giro di vite sui divieti in centro

Il Comune rinvia la stretta di Area C per gli Euro 2 benzina e i diesel. Palazzo Marino congela i nuovi divieti per l’ingresso in centro, che sarebbero entrati in vigore dal 1° ottobre. Perché la pandemia non è ancora superata e il virus ha stravolto le scadenze, spingendo a rimodulare i tempi. «Lo slittamento è reso necessario dall’emergenza sanitaria e dal conseguente contingentamento della capienza sui mezzi pubblici», comunica l’amministrazione comunale, che sottolinea «come il Covid impedisca ancora un pieno ritorno alla normalità». «E la stretta programmata in origine, combinata con i mezzi Atm a scartamento ridotto, avrebbe potuto scontrarsi con la necessità di alleggerire treni e bus negli orari di punta per permettere un rientro in classe in sicurezza degli studenti».

 

VIA LIBERA Sarà quindi ancora consentito l’accesso dei veicoli trasporto persona Euro 2 benzina; Euro 3 e 4 diesel con Fap di serie e da Euro 0 a 4 diesel con Fap after market installato entro il 31 dicembre 2018 e con classe di adeguamento per la massa di particolato ad almeno Euro 4; Euro 5 diesel.

 

ECO-INCENTIVI Nel frattempo, Palazzo Marino prosegue la sua campagna per favorire il rinnovo del parco auto-moto cittadino con veicoli “verdi”. E mette a disposizione 3 milioni di euro di nuovi incentivi per i privati che hanno acquistato nel 2021 o acquisteranno mezzi a basso impatto ambientale: autoveicoli ibridi (elettrico/benzina ed elettrico/diesel), elettrici, idrogeno, bifuel. È incentivato (fino a massimo 3mila euro) anche l’acquisto di un motoveicolo o ciclomotore elettrico. «Si risponde alla necessità di mettere a disposizione dei cittadini forme di mobilità alternativa all’utilizzo del trasporto pubblico visto il perdurare delle norme anti-Covid che contingentano la capienza», sostengono da Palazzo Marino.

 

MODI I contributi - cumulabili con gli incentivi statali - saranno erogati attraverso un nuovo bando, che sarà pubblicato sul sito del Comune entro una settimana: saranno a disposizione delle famiglie fino al 31 dicembre o fino a esaurimento dei fondi. I privati dovranno provvedere alla demolizione di un mezzo a benzina fino ad Euro 3 incluso, oppure diesel fino ad Euro 6 incluso. Il bonus è ridotto del 20% per chi non rottamerà.

 

VEICOLI “VERDI” CIRCOLANTI Grazie agli aiuti del Comune, già oggi circolano 1.791 veicoli “puliti” (689 auto ibride, elettriche, bifuel, 230 scooter elettrici, 842 bici e 30 cargobici elettriche) e sono stati demoliti 794 fortemente inquinanti. Perché gli «incentivi costituiscono una motivazione importante al ricambio dei veicoli»: a Milano nel 2020 sono già stati messi a disposizione 8,5 milioni di euro


Ultimo aggiornamento: Giovedì 16 Settembre 2021, 15:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA