Lanciano 28enne giù dal balcone dopo una lite: presi

Lanciano 28enne giù dal balcone dopo una lite: presi

La vittima insieme a una donna era entrato nell'appartamento probabilmente per comperare droga

Un 28enne è stato lanciato dal balcone durante una lite per problemi di droga. Un volo di due piani, circa 4 metri, che lo ha lasciato ferito sulla strada. E' successo ieri alle prime luci dell'alba nel centro cittadino di Alzano Lombardo in provincia di Bergamo. I responsabili un 18enne e un 30enne, entrambi accusati di tentato omicidio, sono stati fermati dai carabinieri della compagnia di Bergamo. Secondo quanto hanno ricostruito i militari, la vittima di origine marocchina insieme a una donna era entrato nell'appartamento probabilmente per comperare droga. Giunti nella casa però, i due sarebbero stati coinvolti in una lite con altri tre uomini stranieri, che si trovavano all'interno.

 

Leggi anche > La "signora della droga" tradita dal socio: le ha sottratto l'hashish dal garage

 

Nel corso del litigio, due dei tre uomini presenti dopo aver minacciato verbalmente il giovane, lo avrebbero letteralmente defenestrato: lanciandolo dal secondo piano di una palazzina, a circa 4 metri da terra. La vittima ha riportato gravi lesioni al braccio sinistro, che gli è stato completamente ingessato e giudicato guaribile in 30 giorni di prognosi. Dei due aggressori il primo, un 18enne di origine marocchina, già gravato da alcuni precedenti, è stato individuato e arrestato nei pressi della scena del crimine. Mentre il secondo, 30enne anch'egli di origine marocchina, ha tentato di scappare sulla sua autovettura. La fuga è stata però interrotta in quanto i carabinieri, nella tarda serata di ieri, lo hanno rintracciato e bloccato all'interno di un appartamento a Bonate Sopra sottoponendolo a fermo di indiziato di delitto. Entrambi sono stati portati nel carcere di Bergamo.


Ultimo aggiornamento: Sabato 4 Dicembre 2021, 18:37
© RIPRODUZIONE RISERVATA