Dal letto d'ospedale all'oro mondiale in 13 mesi: l'impresa (im)possibile dell'azzura Alizé Piana

Il riscatto della campionessa al Lago del Salto a Rieti

Dal letto d'ospedale all'oro mondiale in 13 mesi: l'impresa (im)possibile dell'azzura Alizé Piana

Il riscatto di Alizé Piana passa per le rive del Lago del Salto, lago artificiale in provincia di Rieti, dove poche ore fa l'atleta lecchese ha conquistato la medaglia d'oro ai Mondiali di wakeboard davanti a Usa e Australia.

Francesco Totti, Noemi Bocchi a San Felice Circeo: «Prelevata dalla spiaggia e portata su uno yacht»

Alizé Piana impresa (im)possibile: a 13 mesi dall'incidente oro ai Mondiali di wakeboard

Nonostante i bookmakers dessero la vittoria all’australiana Mackenzie Mccarthy o alla statunitense Kira Lewis, Alizé Piana è riuscita a fare una gara eccezionale e ad aggiudicarsi il primo posto nella categoria junior women. Un risultato eccezionale dopo che l'anno scorso un grave incidente in auto con ustioni di terzo grado sugli arti e sul volto l'aveva costretta per due mesi in un letto di ospedale.

«Non ci sono parole per descrivere cosa sto provando» dichiara la campionessa dal suo profilo social. «Gli ultimi due anni sono stati delle vere montagne russe. Ero arrivata al punto di voler lasciare il wakeboard, ma ho tenuto duro. Questa vittoria mi ripaga di tutti gli sforzi, le lacrime e la passione che ho messo in questo sport. Non ce l'avrei mai fatta senza il supporto del mio team che ha dato ancora uan volta prova di essere il migliore nel saper portare a casa una medaglia d'oro come squadra».

 

Ottimi risultati anche per i compagni di squadra. Nonostante l’assenza del campione Massimiliano Piffaretti, che ha deciso di rinunciare all’ultimo a causa di un problema al nervo radiale, il Team azzurro ha dato spettacolo chiudendo con cinque ori, due argenti e un bronzo. Insieme ad Alizé Piana hanno conquistato l’oro Giulia Castelli, Federico Dal Lago, Francesco Starita e Stefano Comollo. Medaglie d'argento per Alice Virag e Annalisa Di Corato e bronzo per Igor Colombo.

«È stato il mondiale più bello di sempre!» ha dichiarato il presidente della FISW (Federazione Italiana Sci nautico e Wakeboard), Luciano Serafica. «Salire sul gradino più alto del podio di un Mondiale organizzato nel nostro Paese è una soddisfazione estrema. Cosi come sono stati estremi i nostri atleti in questi giorni».


Ultimo aggiornamento: Domenica 7 Agosto 2022, 12:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA