Alberto Genovese, condannato a 8 anni e 4 mesi l'imprenditore del web: è accusato di aver violentato due modelle

Alberto Genovese, condannato a 8 anni e 4 mesi l'imprenditore del web: è accusato di aver violentato due modelle

di Redazione web

Alberto Genovese condannato a 8 anni e quattro mesi. Due anni e 5 mesi all'ex fidanzata. L'ex imprenditore del web è imputato con l'accusa di aver violentato, dopo averle rese incoscienti con mix di cocaina e ketamina, due modelle: una di 18 anni, durante una festa il 10 ottobre 2020 nel suo attico Terrazza Sentimento, l'altra di 23 anni ospite in una villa di lusso a Ibiza nel luglio precedente. Lo ha deciso il gup di Milano, Chiara Valori, nel processo abbreviato.

Alberto Genovese si difende: «Alle mie feste droga e sesso, lo sapevano tutti»

Milano, l'ex manager Genovese accusato di stupro: «Abituato a prendesi tutto»

La richiesta dell'accusa

Per Genovese il procuratore aggiunto Letizia Mannella e i pm Rosaria Stagnaro e Paolo Filippini avevano chiesto 8 anni. La condanna, dunque, è in linea con le richieste dell'accusa e il gup col verdetto (motivazioni tra 90 giorni) ha riconosciuto entrambi gli episodi di violenza con cessione di droga che erano contestati.

«Abusavo di droghe, non controllavo più la realtà e ho capito solo dopo, riguardando quei video, che la ragazza aveva manifestato il suo dissenso», aveva detto l'ex imprenditore, interrogato davanti al gup e piangendo alla fine, per cercare di giustificare il suo comportamento sulla 18enne nell'attico di lusso, in linea con una consulenza difensiva che aveva parlato di un vizio di mente dovuto all'uso massiccio di cocaina. Per questo caso di abusi durati 20 ore sono state decisive le immagini delle telecamere a circuito chiuso piazzate da Genovese pure nella camera da letto dell'attico con vista sul Duomo.

L'imprenditore avrebbe tentato di distruggerle, senza riuscirci. Il legale della modella, parte civile, aveva chiesto un risarcimento fino a quasi 2 milioni di euro (non 1,5 come scritto in precedenza). Genovese, finito in carcere il 6 novembre 2020 nelle indagini della Squadra Mobile, è ora ai domiciliari in una clinica per disintossicarsi. Davanti al giudice era imputato per violenza sessuale aggravata, detenzione e cessione di stupefacenti e lesioni.

Nel contesto di quei festini organizzati dal 45enne, i cui temi erano l'uso di droghe ma anche il sesso estremo, in un quadro «di aberrazioni condivise» e di «devastazione e degrado umano», hanno sostenuto i pm, Genovese, un nerd diventato 'mister 200milioni di eurò, era ormai abituato ad avere tutto e a «prendersi tutto» ciò che voleva. E ha superato «scientemente, consapevolmente il limite», quello del consenso delle ragazze, violentandole per ore mentre erano ridotte in uno stato di «incoscienza». Sul caso di Ibiza (ci sono agli atti testimonianze, non immagini), l'ex fondatore di start up digitali si era difeso, invece, parlando di «rapporti consenzienti». Per questo caso è stata condannata per i presunti abusi anche l'ex fidanzata, come chiedevano i pm

Due anni e 5 mesi all'ex fidanzata

È stata condannata a 2 anni e cinque mesi anche l'ex fidanzata Sarah Borruso, che era imputata per il caso di Ibiza. Il Gup ha dunque riconosciuto tutte le imputazioni contestate dai pm.

Genovese non parla. I legali: attendiamo le motivazioni

È uscito senza parlare, con a fianco la sorella, senza rispondere alle incessanti domande dei cronisti Alberto Genovese, l'ex imprenditore del web condannato oggi a 8 anni e 4 mesi di reclusione per due casi di violenze sessuali. «Attendiamo le motivazioni», si sono limitati a dire i suoi difensori, gli avvocati Luigi Isolabella e Davide Ferrari, nel 'capannellò di telecamere e giornalisti, senza aggiungere altro. «Continuiamo a essere fiduciosi e attendiamo le motivazioni», ha spiegato, dal canto suo, l'avvocato Gianmaria Palminteri, che assiste l'ex fidanzata di Genovese, Sarah Borruso, condannata a 2 anni e 5 mesi. Anche lei non ha risposto alle domande dei cronisti lasciando l'aula del processo abbreviato.

Genovese è rimasto a lungo all'interno dell'aula del settimo piano dopo il verdetto per confrontarsi coi suoi legali e sua sorella, dopo la condanna 'pesantè. Uscito, ripreso dalle telecamere, è rimasto sempre impassibile con lo sguardo puntato avanti e la mascherina indossata sul viso. Fuori dall'aula Antonella Veltri, presidente dell'associazione D.i.Re, la rete nazionale dei centri antiviolenza, si è detta soddisfatta per il verdetto che ha «accolto pienamente l'ipotesi accusatoria». L'associazione era parte civile nel processo con rito abbreviato (a porte chiuse e con sconto di un terzo sulla pena).

Legale della modella vittima di Genovese: non soddisfatti

Ha spiegato di non essere soddisfatto per la parte «economica» della sentenza a carico di Alberto Genovese, l'avvocato Luigi Liguori, legale della modella all'epoca 18enne vittima di abusi a Terrazza Sentimento nell'ottobre 2020. Il gup, infatti, nel condannare l'ex imprenditore a 8 anni e 4 mesi ha stabilito a suo carico una provvisionale di risarcimento da 50mila euro a favore della giovane. Risarcimento la cui entità integrale andrà stabilita in sede civile. «È più bassa di quanto ci aspettavamo», ha chiarito l'avvocato Liguori che nel processo aveva chiesto un risarcimento da circa 1,5 milioni di euro, facendo notare che la ragazza, dopo ciò che le è accaduto, non può più fare la modella ed è rimasta invalida al 40%. L'avvocato Gaia Inverardi, legale dell'altra giovane vittima, una modella di 23 anni che ha subito abusi a Ibiza, ha spiegato di essere soddisfatta perché «è stato riconosciuto l'impianto granitico della Procura da parte del giudice». Il legale non aveva chiesto risarcimenti. Risarcimenti che non sono stati decisi per due associazioni che erano parti civili davanti al gup.

 

Ultimo aggiornamento: Lunedì 19 Settembre 2022, 19:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA