Marcello Toscano, l'insegnante ucciso nel cortile della scuola a Napoli: fermato un bidello, il giallo dell'ultima telefonata

L'uomo potrebbe aver avuto un alterco con un genitore di un alunno a causa di una presunta nota disciplinare (la circostanza però è stata smentita) ma non si esclude anche la pista legata alla vita privata

Video

di Ferdinando Bocchetti

È un omicidio ancora avvolto nel mistero, quello di Marcello Toscano, il 64enne insegnante di sostegno della scuola «Marino Guarano» di Melito ed ex consigliere comunale di Mugnano. Il suo corpo, privo di vita, è stato ritrovato nella tarda serata di martedì nel cortile dell'istituto in cui lavorava da tanti anni. Era stato occultato in un'aiuola, distante pochi metri dall'alloggio dell'ex custode della scuola, probabilmente da chi lo ha colpito a morte. Le indagini per ora si sono concentrate su un uomo (sarebbe un bidello della scuola) che è stato ascoltato a lungo in caserma. E ieri sera un'altra persona è stata convocata dai carabinieri. Il cadavere di Toscano, secondo quanto ricostruito dagli inquirenti di Melito e Marano che indagano sul caso, presenta diverse ferite di arma da taglio. Sarebbero sei le coltellate inferte, un fendente lo avrebbe raggiunto tra l'addome e il petto. Tracce di sangue sono state ritrovate finanche sugli scalini e all'interno della vecchia casa del custode, chiusa da anni, ma l'altro giorno trovata misteriosamente aperta. Potrebbero essere quelle dell'assassino o dello stesso docente che, forse, ha cercato di sottrarsi alla furia del suo carnefice trascinandosi per alcuni metri. Il ministro dell'Istruzione, Patrizio Bianchi, ha espresso «sconcerto» auspicando una rapida soluzione nelle indagini.

Prof ucciso a coltellate a scuola, giallo a Melito di Napoli. Il corpo di Marcello Toscano trovato dal figlio in un'aiuola


LA RICOSTRUZIONE
Marcello Toscano, residente nel comune di Mugnano, sposato e padre di due figli, era uscito di casa martedì mattina. Si era recato di buon'ora a scuola, come faceva abitualmente da tantissimi anni. Nel corso della mattinata (tra le 12 e le 12.30) avrebbe ricevuto una telefonata e avrebbe poi chiesto a una collega di indicargli la posizione dell'istituto dove lavora, che si trova in via Delle Magnolie, sul proprio smartphone, che non è stato poi ritrovato. Doveva incontrare qualcuno? Aveva un appuntamento? Da quel momento del 64enne si sarebbero perse le tracce. Toscano in passato aveva anche gestito un istituto scolastico privato. L'allarme è stato lanciato in serata dal figlio, che si è presentato alla stazione dei carabinieri di Mugnano denunciando la scomparsa del genitore. Intorno alle 21.30 è stata la figlia della vittima a individuare l'autovettura del padre nei pressi della scuola. Ha contattato i carabinieri che, giunti sul posto, hanno ispezionato gli spazi interni ed esterni alla struttura. La macabra scoperta è stata fatta un'ora dopo. La «Marino Guarano» di Melito, la scuola in cui insegnava Toscano, è balzata molte volte alle cronache per episodi di violenza: a maggio scorso un ragazzino fu accoltellato alla schiena; una ragazzina di 11 anni, invece, fu aggredita da una sua coetanea all'interno dei bagni. Minacce ed episodi di violenza non erano mancati anche negli anni precedenti, quando a farne le spese erano stati alcuni insegnanti.

Video


LA SCUOLA
È una scuola di frontiera, una realtà estremamente complessa, la «Marino-Guarano», frequentata da molti figli di pregiudicati e uomini legati alle cosche del territorio. Sono diverse le ipotesi al vaglio dei carabinieri che stanno esaminando le immagini di alcune telecamere di sorveglianza presenti in zona. Toscano potrebbe aver avuto un alterco con un genitore o familiare di un alunno, come paventato anche da un suo ex collega, a causa di una presunta nota disciplinare (la circostanza però è stata smentita) ma non si esclude anche la pista legata alla vita privata dell'uomo, da tutti ritenuto una persona «gioviale, allegra e spensierata». Sembra da scartare, invece, l'ipotesi di una ritorsione per fini politici o amministrativi. Gli inquirenti, nella giornata di ieri, hanno ascoltato per ore un uomo: non è in stato di fermo e non sarebbe (al momento) indagato. Il collaboratore scolastico non è l'unica persona ad essere stata contattata dai militari dell'Arma, coordinati dai magistrati della Procura Nord. A riferire (anche se poco sarebbe emerso finora) su fatti e circostanze anche i colleghi della vittima, la dirigente scolastica e politici del territorio.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 29 Settembre 2022, 09:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA