Luca Zaia: «Nuova ordinanza anti-assembramenti». In Veneto oggi 2.427 contagi

Video

Luca Zaia ha parlato a lungo di molti aspetti che riguardano l'emergenza Covid. Uno dei temi toccati è stato quello degli assembramenti anche alla luce dei contagi che in Veneto non accennano a calare. «Sto valutando una nuova ordinanza che non prevede restrizioni per le attività commerciali ma servirà per evitare gli assembramenti, non è possibile vedere le immagini di questi giorni con assembramenti per gli acquisti di Natale». In Veneto continua a crescere stabilmente la curva dei contagi, con 2.427 casi nelle 24 ore che portano il totale a 173.371 casi da inizio pandemia. Si registrano 29 morti, con totale a 4.403 vittime. negli ospedali vi sono 2.815 pazienti nei reparti ordinari (+36) e 346 (+1) nelle terapie intensive. Gli attuali positivi sono 81.018.

«Neve troppo bella». Abetone, 10 ragazzi vanno a sciare nonostante le piste chiuse, maxi-multe

Luca Zaia, il problema della curva

«Siamo nella parte alta della curva, vediamo un trend di timida discesa in Veneto. E adesso speriamo che pian piano decresca. Ma c'è sempre il tema del distanziamento sociale che va privilegiato per non far circolare il virus. Il numero assoluto di positivi? Non vuol dire niente. Quel che conta è la percentuale sul totale dei tamponi». Lo ha specificato il presidente del Veneto Luca Zaia, parlando con i giornalisti sui dati del contagio in regione. «Vorremo capire ufficialmente - ha proseguito - e ne ho parlato anche con il professor Brusaferro, se i dati sono omogenei a livello nazionale. Se si prende il dato assoluto dei positivi devi spiegare che non è confrontabile con altre regioni; alcune fanno solo tamponi molecolari, altre un pò di rapidi, alcune caricano un dato, altre hanno fatto scelte di testare fasce popolazione e non altre. Non è - ha concluso - un dato omogeneo».

Luca Zaia: Veneto con più positivi? Non è vero

Video

Maltempo Veneto Luca Zaia fa i conti dei danni

Luca Zaia, il tema dell'incidenza dei positivi

Per quanto riguarda l'incidenza dei positivi sui test, la responsabile del Diupartimento prevenzione regionale, Francesca Russo, ha sottolineato che «abbiamo avuto una salita graduale, ci siamo fermati a uan sorta di plateau e stiamo leggermente scendendo». Al 3 dicembre - è stato spiegato - vi è stata una leggera flessione rispetto alla settimana precedente, da 433 a 413 positivi su 100 mila residenti. «Questo - ha proseguito Russo - sta a indicare che comincia una leggera, timida discesa dei nuovi positivi. Aumentano però le terapie intensive, come 'codà dei ricoveri fatti quando l'incidenza era più alta. Prossimamente scenderanno i nuovi positivi e aumenteranno le terapie intensive», ha concluso.

 

 

 

 

Luca Zaia: «Non andate in montagna, turismo del macabro non ci serve»

Luca Zaia, il tema Mes

«Il Mes è una partita oggetto di dibattito politico da mesi, e ho l'impressione che abbia dato un alibi al governo per stare riparato in un luogo sicuro per mesi. Ora ne è venuto fuori il vero responsabile della decisione, che è il Governo». Lo ha detto ai giornalisti il presidente del Veneto Luca Zaia. «Io invece - ha aggiunto - sono preoccupato per il Recovery Plan in cui le Regioni non sono coinvolte. Non è questione di interessi di bottega, ma di creare posti di lavoro. Penso che lo strumento delle Regioni sia il migliore», ha concluso.

Video

 

 

 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 9 Dicembre 2020, 18:14
© RIPRODUZIONE RISERVATA