Guarda le stories, ma non chiama

Guarda le stories, ma non chiama

di Flaminia Bolzan

Se dovessi stilare una classifica delle domande che mi vengono poste più di frequente, al vertice ci sarebbe senza dubbio questa combinazione Perché guarda le mie stories? E perché però poi non mi scrive e non mi cerca? La mia risposta è davvero molto semplice, non ti cerca e non ti scrive perché il fatto di guardare ciò che fai sui social non è sinonimo di interesse da parte sua, magari di semplice curiosità, quello si, glielo concedo. Ma c'è una bella differenza tra la curiosità come derivazione della noia o dell'indecisione e quella che invece è figlia dell'interesse o del desiderio, quindi vengo al dunque. Non gli piaci abbastanza. Un'ipotesi concreta è anche quella che guardi le tue stories consapevole del fatto che tu passerai ore e ore a rimuginare sul perché, quindi in questo modo otterrà il suo risultato: controllarti e legarti senza alcun impegno, gonfiando così il suo ego come si fa coi palloncini a elio.

Ti immagini infatti la soddisfazione di avere a disposizione una persona semplicemente non facendo nulla? Oggettivamente è un pensiero diabolico nella sua banalità, ma proprio perché tale, ti posso assicurare che si avvicina molto al vero. Questo comportamento è talmente tanto diffuso che ormai ha anche un nome, si chiama orbiting e si traduce sul piano psicologico con i termini di ambiguità, disinteresse e assenza di comunicazione chiara.

Ora quindi la domanda la faccio io a te, vuoi qualcuno con cui intrattenere una relazione solo sui social o stai cercando qualcosa che sia declinabile sul piano del reale? Se la tua risposta ricade nell'opzione B posso darti la soluzione, agile e immediata. Defilati. Presto o tardi ti stancherai anche di cercare quel nome tra le visualizzazioni e allora potrai iniziare a soddisfare la curiosità di chi c'è, non solo di chi appare ogni tanto.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 23 Settembre 2022, 15:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA