Il regalo sbagliato, la differenza tra uomo e donna

Il regalo sbagliato, la differenza tra uomo e donna

Se dovessimo provare a individuare un'area di sostanziale discrasia tra il pensiero maschile e quello femminile, questa avrebbe a che fare probabilmente con il significato e la scelta dei regali. Soprattutto di quelli sbagliati.
Mi spiego, di fronte ad un oggetto palesemente lontano dal proprio gusto, l'uomo solitamente rimane imperturbabile e fa la cosa più naturale al mondo: lo cambia. La donna no. La donna parte con una serie di elucubrazioni sul senso della delusione e sperimenta una sensazione che è un misto tra il dolore di un cuore trapassato e un'ustione di terzo grado sotto la pianta del piede. Lei è dilaniata e non tanto per il gingillo inutile e brutto, quanto per l'idea di non essere mai stata capita. Dietro il regalo sbagliato, infatti, il gentil sesso non legge l'errore inconsapevole, ma la superficialità. E allora il maschio che fa? Pensando di poter riparare brillantemente si butta sul regalo costoso. Sbagliato anche quello, è il pensiero che conta. Il prezzo elevato non rende un oggetto più desiderabile agli occhi di colei che vi legge ostentazione. O peggio, colpevolezza. Amici miei, volete fare bella figura? Date retta a me, diventare grandi osservatori, o buttatevi sul classico.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 13 Giugno 2022, 12:37
© RIPRODUZIONE RISERVATA