Flaminia Bolzan su Leggo: Se ti amo non vale

Flaminia Bolzan su Leggo: Se ti amo non vale

Rose rosse a buon mercato, cene eleganti a menù fisso e due paroline magiche. Ti amo. Questo è il mito dell'amore decantato nella sua versione più dozzinale, che a casa mia si chiama anche manipolazione o strategia per ottenere qualcosa di più semplice: un giro in giostra. Facciamo pure due.
Eh si signorine mie, ci hanno prese in giro, ci hanno raccontato un sacco di favolette su questa storia dell'amore hollywoodiano e dopo secoli di indottrinamento e secchi di lacrime versate, alla trentaduesima visione di Titanic ci siamo convinte definitivamente che un ti amo fosse come un diamante De Beers: per sempre. Lo desideriamo con bramosia perché lì dentro immaginiamo di colmare i nostri vuoti, ma un ti amo soddisfa davvero i bisogni? Apparentemente. Ma nella realtà manco per niente, perché se lui sta solo usando una capacità seduttiva da dongiovanni e snocciola quattro frasi da bacio perugina buttate lì a caso, credetemi, non è amore, ma un buon piano nutrizionale per il suo ego. L'amore che meritiamo non si riduce a due parole pure corte e se i momenti di vicinanza si alternano ad assenze e silenzi sei proprio in balia di alti e bassi emotivi, quindi piuttosto sali sulle montagne russe, che con la manipolazione hanno tanto in comune, ma sono decisamente più divertenti.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 28 Gennaio 2022, 11:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA