Green pass, come richiederlo e quanto dura la certificazione

Green pass, come richiederlo e quanto dura la certificazione: 8 domande chiave (e risposte)

Via libera al green pass. Dal primo luglio potrà essere utilizzata la certificazione verde. Un documento che facilita la partecipazione a eventi pubblici, l'accesso alle strutture sanitarie assistenziali, le Rsa, e gli spostamenti sul territorio nazionale. Ma come funziona? Come fare per ottenerlo. Questi alcuni degli interrogativi che gli italiani si pongono. Qui sotto cercheremo di dare una risposta alle principali domande.

Vaccino seconda dose, freno ai richiami in vacanza: operative solo tre Regioni

Green Pass, cosa è la certificazione verde? 

La Certificazione verde Covid-19 nasce per facilitare la libera circolazione in sicurezza dei cittadini nell'Unione europea durante la pandemia. Attesta di aver fatto la vaccinazione o di essere negativi al test o di essere guariti dal Covid. La Certificazione contiene un QR Code che permette di verificarne l’autenticità e la validità. La Commissione europea ha creato una piattaforma tecnica comune per garantire che i certificati emessi da uno Stato possano essere verificati nei 27 Paesi dell’Ue. In Italia la Certificazione viene emessa esclusivamente attraverso la Piattaforma nazionale del Ministero della Salute in formato sia digitale sia stampabile.

 

Chi può ottenere la certificazione?

La Certificazione viene generata in automatico e messa a disposizione gratuitamente nei seguenti casi: aver effettuato la prima dose o il vaccino monodose da 15 giorni; aver completato il ciclo vaccinale; essere risultati negativi a un tampone molecolare o rapido nelle 48 ore precedenti; essere guariti da Covid nei sei mesi precedenti.

Cosa permetterà di fare la certificazione in Italia?

La Certificazione verde può essere utilizzata nel nostro Paese per partecipare a eventi pubblici, per accedere a residenze sanitarie assistenziali o altre strutture, spostarsi in entrata e in uscita da territori classificati in "zona rossa" o "zona arancione". Regioni e Province autonome possono prevedere altri utilizzi della Certificazione verde. Dal 1° luglio la Certificazione verde sarà valida come Eu digital Covid certificate e renderà più semplice viaggiare da e per tutti i Paesi dell'Unione Europea.

Variante Delta, scoperto focolaio fra Piacenza e Cremona: 24 casi collegati in un'azienda

Come si genera la certificazione?

Regioni, Province autonome, medici di base, laboratori di analisi e farmacie trasmettono le informazioni relative a vaccinazioni, test e guarigioni al livello centrale. Una volta raccolte le informazioni, la Piattaforma nazionale del Ministero della Salute rilascia la Certificazione. Le tempistiche per la trasmissione dei dati, e la conseguente generazione della Certificazione, possono variare in base al tipo di prestazione sanitaria.

Come si acquisisce la certificazione?

E' possibile acquisire la Certificazione in diversi modi.Si può infatti scegliere tra canali digitali e fisici. La disponibilità della Certificazione viene comunicata tramite email o sms (ai contatti indicati in fase di prestazione sanitaria: vaccinazione, test o guarigione) con un codice per scaricarla.                                                                  Canali digitali: Via APP Immuni: è dotata di una nuova funzione che consente di scaricare la Certificazione inserendo il numero e la data di scadenza della propria Tessera sanitaria e il codice (Authcode) ricevuto via email o sms ai contatti comunicati in fase di prestazione sanitaria. App IO: attraverso una notifica sul proprio dispositivo mobile, gli utenti dell’app IO (che già la usano o intendono scaricarla) che abbiano effettuato l’accesso con la propria identità digitale (Spid/Cie), potranno visualizzare la propria Certificazione direttamente dal messaggio.                                                                                                                                                          Siti web: Sito dedicato, è possibile utilizzare l’identità digitale (Spid/Cie) per acquisire la propria Certificazione. In alternativa è possibile inserire il numero e la data di scadenza della propria Tessera sanitaria (o in alternativa il documento d’identità per coloro che non sono iscritti al ssn) e il codice (Authcode) ricevuto via email o sms ai contatti comunicati in fase di prestazione sanitaria.                                                                                            Fascicolo sanitario elettronico: accedendo al proprio Fascicolo sanitario regionale, è possibile acquisire la propria Certificazione.                                                                                                                                              Canali fisici: In caso di difficoltà ad accedere alla Certificazione con strumenti digitali, è possibile rivolgersi al proprio medico di medicina generale, al pediatra di libera scelta, o al farmacista, che potranno recuperare la Certificazione grazie al Sistema Tessera Sanitaria. Porta con te il codice fiscale e i dati della Tessera Sanitaria che dovrai mostrare loro. La Certificazione verde sarà consegnata in formato cartaceo o digitale.

Matrimoni, arriva l'app per Green pass e cambiano le regole

Per quanto tempo è valida la Certificazione?

La durata della Certificazione varia a seconda della prestazione sanitaria a cui è collegata. In caso di vaccinazione: per la prima dose dei vaccini che ne richiedono due, la Certificazione sarà generata dal 15° giorno dopo la somministrazione e avrà validità fino alla dose successiva. Nei casi di seconda dose o dose unica per pregressa infezione: la Certificazione sarà generata entro un paio di giorni e avrà validità per 270 giorni (circa nove mesi) dalla data di somministrazione. Nei casi di vaccino monodose: la Certificazione sarà generata dal 15° giorno dopo la somministrazione e avrà validità per 270 giorni (circa nove mesi). Nei casi di tampone negativo la Certificazione sarà generata in poche ore e avrà validità per 48 ore dall’ora del prelievo. Nei casi di guarigione  la Certificazione sarà generata entro il giorno seguente e avrà validità per 180 giorni (6 mesi).

In fase di verifica della Certificazione, i miei dati personali sono tutelati?

Grazie all’utilizzo di un’App di verifica, che in Italia si chiama VerificaC19, il personale addetto avrà la possibilità di verificare la validità e l’autenticità delle Certificazioni. Sarà sufficiente mostrare il QR Code della Certificazione. In caso di formato cartaceo, piegando il foglio, sarà possibile tutelare le proprie informazioni personali. Il QR Code non rivela l’evento sanitario che ha generato la Certificazione verde. Le uniche informazioni personali visualizzabili dall’operatore saranno quelle necessarie per assicurarsi che l'identità della persona corrisponda con quella dell'intestatario della Certificazione. La verifica non prevede la memorizzazione di alcuna informazione riguardante il cittadino sul dispositivo del verificatore.

A chi posso rivolgermi per informazioni e assistenza?

Per assistenza tecnica chiama il Call center 800 91 24 91 (attivo tutti i giorni dalle 8 alle 20) o scrivi a cittadini@dgc.gov.it. Per informazioni su aspetti sanitari puoi chiamare il numero di pubblica utilità 1500 (attivo tutti i giorni 24 ore su 24).

Spid, anziani in difficoltà: solo il 10% lo ha attivato. La delega a nipoti in autunno a titolo sperimentale


Ultimo aggiornamento: Martedì 22 Giugno 2021, 18:10
© RIPRODUZIONE RISERVATA