Terremoto a Firenze, prosegue lo sciame sismico: cosa sta accadendo. Verifiche agli edifici
di Enrico Chillè

Terremoto a Firenze, prosegue lo sciame sismico: cosa sta accadendo. Verifiche agli edifici

Dopo la scossa più forte di ieri pomeriggio, in serata un terremoto di magnitudo 3.4. Diverse repliche strumentali nella stessa zona

Terremoto a Firenze, ancora scosse nell'area intorno a Impruneta. Dopo la scossa di ieri pomeriggio, di magnitudo 3.7, nella serata di ieri, alle 22.14, un altro terremoto di magnitudo 3.4 è stato distintamente avvertito dalla popolazione. Diverse le repliche, la maggior parte delle quali strumentali, nelle ultime ore: uno sciame sismico è in corso nell'area, mentre sono già partite le verifiche agli edifici più vecchi o considerati più fragili, dove sono stati accertati danni seppur lievi. Ecco cosa sta succedendo, secondo l'Ingv.

 

Leggi anche > Terremoto a Firenze, scossa di magnitudo 3.7: paura in tutta la Toscana

 

Terremoto a Firenze, sciame sismico in corso

Proseguono le scosse in provincia di Firenze, con epicentro sempre nel territorio di Impruneta, anche se di intensità minore rispetto a quella di 3.7 registrata nel pomeriggio. Alle 22:19 è stata avvertita una scossa di 3.4 e da allora si sono susseguite altre 8 scosse, la più rilevante di magnitudo 2.7 è stata registrata alle 23. Dopo alcune scosse strumentali, questa mattina, alle 7.05, è stato registrato un nuovo sisma di intensità limitata: magnitudo 2.4, con ipocentro a 11 chilometri di profondità.

 

Terremoto a Firenze, verifiche agli edifici

Verifiche dei vigili del fuoco sono state svolte stasera a una piccola chiesa e a tre abitazioni confinanti a breve distanza dall'epicentro della scossa con magnitudo 3.7 del pomeriggio, in località Cofferi di Mercatale Val di Pesa (Firenze). La chiesa presenta una lieve crepa per cui domani mattina ci sarà un nuovo sopralluogo ed è stata isolata, così come sono state invitate a lasciare le loro abitazioni tre famiglie (otto persone in tutto) che hanno trovato sistemazioni provvisorie in attesa dei nuovo controlli. È una zona di aperta campagna a poche centinaia di metri dall'epicentro della prima grande scossa della giornata. Nella vicina Mercatale lo sciame di stasera ha fatto uscire di casa diverse persone che preferiscono aspettare davanti alle proprie abitazioni prima di rientrarvi.

 

Terremoto, sciame sismico a Firenze: cosa sta succedendo

Il terremoto più forte, quello di magnitudo 3.7 di ieri pomeriggio, era stato preceduto da cinque scosse strumentali (non avvertibili dall'uomo), di cui la più forte di magnitudo 1.8. L'Ingv ricorda che l'area intorno a Impruneta, epicentro delle ultime scosse, è considerata a sismicità media: dal 1985 a oggi, nell'area compresa entro 30 chilometri dall'epicentro, sono stati localizzati altri 39 terremoti di magnitudo pari o superiori a 3. Di questi, il più forte è quello di magnitudo 4.1 il 19 dicembre 2014, in un periodo in cui il territorio fu interessato da una importante sequenza sismica.
Terremoti particolarmente intensi, nell'area interessata, risalgono invece a molto tempo fa: l'Ingv cita quello di magnitudo 5.5 del 18 maggio 1895, quello di magnitudo 5.2 dell'11 settembre 1812, quello di magnitudo 5.4 del 28 settembre 1453, quello di 5.7 del 7 agosto 1414 e quello di magnitudo 5.1 nel 1148. In tutti questi casi, la magnitudo del sisma è solo stimata.
L'Ingv spiega che, nella zona, è possibile ma poco probabile che si verifichino terremoti più forti di quelli registrati ieri, nel pomeriggio e in serata. La storia sismica dell'area dimostra che scosse particolarmente intense sono possibili ma comunque rare, con una pericolosità sismica che aumenta notevolmente verso Nord e verso Est.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 4 Maggio 2022, 10:10
© RIPRODUZIONE RISERVATA