Quirinale, consegnata la Carta di Firenze a Mattarella: il documento scritto dai Sindaci e Vescovi del Mediterraneo

Una consegna simbolica del documento redatto insieme ai Sindaci e i Vescovi del Mediterraneo, lo scorso febbraio, con gli impegni precisi per la pace

Quirinale, consegnata la Carta di Firenze a Mattarella: il documento scritto dai Sindaci e Vescovi del Mediterraneo

di Niccolò Dainelli

La Carta di Firenze arriva in Quirinale. Sostenere il valore del lavoro e delle persone come luogo di realizzazione delle più profonde aspirazioni umanecredere nella biodiversità delle forme d’impresa; promuovere la diversità e l'inclusione sociale; valorizzare l'impresa come luogo di creatività e di benessere; investire nell’educazione e nella promozione umana: sono alcuni degli obiettivi della «Carta di Firenze per l'Economia Civile», redatta in occasione dell'incontro epocale dei Sindaci e dei Vescovi del Mediterraneo.

Leggi anche > Firenze si schiera contro il bullismo: la polizia municipale in classe per prevenire il fenomeno

A darne notizia è stato il primo cittadino di Firenze, sul suo profilo Twitter. Dario Nardella, insieme al presidente della Cei e all'Arcivescovo di Firenze, hanno consegnato il documento al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Una consegna simbolica del documento redatto insieme ai Sindaci e i Vescovi del Mediterraneo lo scorso febbraio. 

Dario Nardella ha scritto su Twitter: «Al Quirinale, insieme al Presidente della Cei, il Cardinale Bassetti e al nostro arcivescovo Cardinale Betori, abbiamo consegnato al Presidente Mattarella la "Carta di Firenze", il documento redatto in occasione dell'incontro epocale dei Sindaci e dei Vescovi del Mediterraneo».

Dario Nardella ha poi commentato: «Siamo davvero grati al presidente della Repubblica per l’attenzione che ha riservato ai Vescovi e alla città di Firenze. È un gesto di grandissima sensibilità per un’iniziativa storica di cui si parlerà ancora per molto tempo: 60 vescovi e 65 sindaci da tutte le sponde del Mediterraneo che firmano una dichiarazione con impegni precisi per la pace, per promuovere la cultura tra i popoli e le città, per la solidarietà, per l’ambiente, è un fatto inedito.


Grazie all’energia che ci ha trasmesso il Capo dello Stato vogliamo continuare interpellando tutti i grandi leader del mondo sui temi della Dichiarazione di Firenze in un momento così drammatico come quello della guerra in Ucraina».
 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 6 Aprile 2022, 16:49
© RIPRODUZIONE RISERVATA