Porta l'ex in tribunale per l'affidamento: del figlio? No, del cane. «Lo tratta male»

Porta l'ex in tribunale per l'affidamento: del figlio? No, del cane. «Lo tratta male»

L'uomo vuole vedere il cane e denuncia la "violazione dell’obbligo"

In tribunale per il cane. Nell'atto di separazione, oltre ai figli, c'era dato anche il cane: l’animale domestico, scrive la Nazione, era entrato nell’atto di separazione, con affidamento alla donna nella casa dove lei vive con i figli, e relativi accordi sulle visite una volta al mese a casa di lui con ripartizione a metà anche delle spese di alimentazione di cura del cane. Ma gli accordi non sono stati rispettati. 

 

Leggi anche > Il piccolo Mustafà, operato a Siena il bimbo siriano nato senza braccia e gambe per la guerra

 

Sono due quarantenni i protagonisti della vicenda. La donna è rimasta a vivere in Valdera e lui, oggi, residente in una provincia limitrofa. «Lo tratta male», accusa la donna e, di conseguenza, non porta il cane a far visita all'ex. Lui pretende di tenere con sè il cane ma tuttavia «non paga nè le spese di mantenimento del cane né quelle di cura o veterinarie» ribatte ancora lei.

Contrariato dalle sue accuse, l'uomo, con lo stesso diritto con cui vede i figli, vuole vedere anche il cane e denuncia la "violazione dell’obbligo" avviando un procedimento di esecuzione forzata sull’animale davanti al giudice. Ma la donna, assistita delle avvocatesse Maria Concetta e Lia Gugliotta, si oppone, motivando il tutto col fatto che il cane è un essere vivente e senziente, e di conseguenza titolare di diritti a sua volta. In realtà, la legge su riconoscimento del cane come essere senziente non è ancora stata approvata, sostenendo comunque che l’animale d’affezione non può essere oggetto di un obbligo forzato. 

Contestualmente viene richiesto un accertamento sulla capacità dell’uomo di tenere il cane con sè. Il caso arriverà davanti al giudice civile del tribunale di Pisa che dovrà stabilire dove sta la ragione, contemperando la decisione con l’interesse affettivo delle parti in causa e del cane stesso che non è un oggetto. La decisione arriverò a fine marzo.


Ultimo aggiornamento: Sabato 19 Febbraio 2022, 14:53
© RIPRODUZIONE RISERVATA