Lucca, impatta con un cinghiale e l'auto si ribalta: grave automobilista 40enne

Lucca, impatta con un cinghiale e l'auto si ribalta: grave automobilista 40enne

L'incidente è avvenuto ad Altopascio: nell'impatto con il cinghiale è rimasta ferita una donna trasportata in ospedale in codice rosso

Grave incidente stradale alle porte di Lucca. Una donna di 40 anni è stata trasportata in ospedale in codice rosso in seguito al violento impatto con un cinghiale che ha ribaltato la sua auto facendola sbalzare fuori dall'abitacolo. Lo scontro è avvenuto alle 6 circa del mattino sul rettilineo di via dei Biagioni nel comune di Altopascio. Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118 e i vigili del fuoco. Era stata anche allertata l'eliambulanza poi rientrata per problemi di visibilità. La carcassa dell'animale, morto sul colpo, è stata poi rimossa dalla strada.

 

Leggi anche > Punisce gli automobilisti incivili attaccando biglietti sui finestrini: fermato 41enne

 

«Un incidente ogni 48 ore: è la tragica frequenza con cui i cinghiali causano incidenti nel nostro paese rappresentando uno dei principali pericoli per la sicurezza stradale e per le persone. La Toscana si trova al primo posto negli incidenti con investimenti di animali con 27 sinistri dove in nove casi su dieci si tratta di animali selvatici secondo Asaps». A dirlo è Coldiretti Lucca commentando il grave incidente. Negli ultimi dieci anni, ricorda Coldiretti Lucca sulla base dei dati Aci Istat, il numero di incidenti gravi con morti e feriti causati da animali è praticamente raddoppiato (+81%) sulle strade provinciali.

 

«Con l'emergenza Covid che ha ridotto per mesi la presenza dell'uomo all'aperto la presenza dei cinghiali nelle città e nelle campagna è ulteriormente aumentata così come statisticamente a livello nazionale il numero degli incidenti causati da animali selvatici che sono cresciuti del 35% rispetto al 2020 - analizza Andrea Elmi, presidente Coldiretti Lucca - Questo ennesimo sinistro dimostra che sono un elemento di grandissima pericolosità per gli automobilisti. Quelle dell'alba e del crepuscolo sono le ore più a rischio, con i branchi di cinghiali che si muovono razziando cibo nelle periferie urbane o distruggendo campi e colture, riuscendo a percorrere fino a 40 chilometri alla volta. Tra le strade a più alto rischio, mappate recentemente, ci sono la Lodovica, la Pesciatina, via Romana ed il viale dei Tigli che sono stati una o più volte teatro di incidenti».


Ultimo aggiornamento: Giovedì 12 Maggio 2022, 22:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA