Firenze, rapina in villa: proprietari minacciati con la pistola, picchiati e rinchiusi

Hanno fatto irruzione quando tutti dormivano e sono fuggiti con un bottino da decine di migliaia di euro

Firenze, rapina in villa: proprietari minacciati con la pistola, picchiati e rinchiusi

Notte di paura in una villa sulle colline fiorentine. La rapina in via San Felice a Ema è diventata un vero e proprio incubo per i proprietari di casa che sono stati minacciatirinchiusi in camera e derubati. È successo nella notte tra domenica 26 e lunedì 27 giugno quando i ladri sono entrati nell'abitazione armati di pistola

Leggi anche > Firenze, tenta di violentare una donna in pieno centro: 38enne arrestato

La refurtiva conta la sparizione di un orologio Rolex, valigie piene di abiti e denaro per decine di migliaia di euro in contanti. I rapinatori hanno agito verso l'una di notte. Vittime dell'assalto, una coppia italo-russa, un'anziana congiunta e un domestico. Tutti stavano dormendo. 

Secondo ricostruzioni della polizia i malviventi erano in quattro, con il volto coperto da un passamontagna. Uno avrebbe fatto da palo, mentre gli altri, hanno fatto irruzione da una porta secondaria e poi raggiunto i proprietari nella camera da letto.

Uno dei rapinatori, l'unico pare, armato di pistola, ha minacciato la coppia per farsi consegnare soldi e gioielli. In questi momenti il proprietario avrebbe protestato e quindi, per questo, sarebbe stato colpito al volto da un malvivente.

La moglie sarebbe stata strattonata per costringerla a rivelare dove la famiglia custodiva il denaro. I malviventi avrebbero radunato e chiuso a chiave in una camera tutti i presenti nella casa e fatto razzìa nella villa prima di scappare con il bottino. Adesso è caccia ai responsabili della rapina, con gli investigatori che stanno vagliando tutte le piste possibili per risalire all'identità dei 4 malviventi. 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 27 Giugno 2022, 17:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA