Attentati sulla linea dell'Alta Velocità: arrestato un anarchico

Attentati sulla linea dell'Alta Velocità: arrestato un anarchico

È un fiorentino di 28 anni legato all'area anarchica il giovane arrestato per i 6 attentati sul tratto dell'Alta Velocità tra Firenze e Bologna, in provincia del capoluogo toscano. Sei gli attentati messi a segno: il primi tre a San Piero a Sieve la notte del.28 agosto 2022, altri due a fine ottobre a Firenzuola e l'ultimo il 28 dicembre a San Pellegrino. Da quanto spiegato sarebbe stato usato liquido infiammabile per incendiare le cabine elettriche: sui luoghi degli attentati gli investigatori non avrebbero rinvenute bombole e tracce di esplosivo. Il 28enne avrebbe agito di notte, quando i treni ad alta velocita non viaggiano.

Uno degli incendi esplosi a Firenzuola avrebbe messo fuori uso un quadro elettrico che gestisce le ventole di aerazione della galleria sottostante. Secondo gli investigatori, se l'indomani fosse avvenuto un incidente ferroviario nella galleria di Firenzuola i fumi dell'incendio non sarebbero stati aspirati per il mancato funzionamento delle ventole. Ci sono inoltre due 17ennei, una ragazza e un ragazzo, indagati dalla procura per i minori del capoluogo toscano per danneggiamento aggravato dalla finalità eversiva: ieri le loro abitazioni sono state perquisite dagli agenti della Digos che hanno sequestrato i cellulari.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 25 Gennaio 2023, 20:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA