Campania e zona rossa, De Luca: «Picchi di positivi, c'è questo rischio»

Video

Rischio zona rossa in Campania. «C'è un livello abbastanza elevato di positivi e un rilassamento grave. Rischiamo di fare entrare la regione in zona rossa e di chiudere tutto». Così il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, in diretta Facebook. «Se i comportamenti non saranno di estremo rigore non ci vuole niente a passare dalla zona gialla a quella rossa, il tutto sarà accentuato dall'apertura delle scuole secondarie», ha aggiunto. De Luca parla di «picchi estremamente preoccupanti» e cita, tra gli altri, il caso di Torre Annunziata. 

 

Ad oggi è a Torre Annunziata (Napoli) che si è registrato il maggiore picco di contagi, ragione per cui, ha anticipato il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, «segnaleremo al sindaco questa situazione perchè prenda i provvedimenti del caso», «Noi calcoliamo il numero di casi di positivi nell'arco di una settimana - ha spiegato - quando si va oltre i 150 casi settimanali, si inizia ad entrare in una zona di rischio. Registriamo un picco a Torre Annunziata, nella settimana 21-26 gennaio abbiamo 600 positivi, calcoliamo la percentuale ogni 100mila abitanti, tassi elevatissimi». Poi, De Luca chiama in causa «il numero dei casi settimanali», per diversi comuni: «a Torre annunziata 260, 1238 a Napoli, 276 a Salerno, cifra che deve creare una qualche preoccupazione, 206 positivi a Torre del greco, 127 a Giugliano, 126 a Pozzuoli, 113 a Castellammare e così via scendere».

 


Ultimo aggiornamento: Venerdì 29 Gennaio 2021, 16:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA