Zona arancione, cosa cambia: senza Green pass bar e ristoranti vietati. Spostamenti solo per necessità

Zona arancione, cosa cambia: senza Green pass bar e ristoranti vietati. Spostamenti solo per necessità

L'aumento dei contagi fa temere la ricomparsa, in Italia, della zona arancione. Friuli Venezia Giulia, Calabria e provincia autonoma di Bolzano sono già in zona gialla: provincia autonoma di Trento e Friuli potrebbero diventare arancioni per Capodanno. Ma quali sono le regole in zona arancione e le differenze con la gialla a seconda del Green pass, che sia rafforzato o base?

Zona arancione a Capodanno: nuovi limiti, due Regioni a rischio

Zona gialla, Marche, Veneto e Liguria verso il cambio colore da lunedì. Il Lazio si salva, Trento a rischio

Bar e ristoranti off limits senza Green pass

La "novità" sostanziale non è una novità, ossia riguarda i bar e ristoranti, che in zona arancione sono vietati senza Green pass. Questo significa che chi non è vaccinato e non ha fatto il tampone nelle ultime ore non può consumare né al banco né al tavolo, al chiuso o all'aperto che sia. Stessa cosa vale, ovviamente per le strutture ricettive: un non vaccinato che dovesse andare in vacanza in zona arancione non potrebbe di fatto entrare in hotel. Vietato anche frequentare i centri commerciali nei giorni prefestivi, mentre si potrà accedere tutti gli altri giorni. 

 

Gli spostamenti solo per necessità

Per quanto riguarda gli spostamenti, in zona arancione sono consentiti a chi non ha il Green pass solo per esigenze di lavoro, salute o servizi non disponibili nel proprio Comuni, un po' come succedeva in zona rossa durante i vari lockdown stabiliti nei passati anni. Infine, anche l'attività sportiva è vietata: niente accesso a palestre e piscine per chi non ha il Green pass in zona arancione. Vietati anche gli sport di contatto, si può fare attività soltanto all'aria aperta e nelle aree attrezzate a tale fine. 

 


Ultimo aggiornamento: Domenica 19 Dicembre 2021, 16:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA