«Con questa app tracceremo le zanzare anche d'inverno. E scopriremo se mordono»
di Paolo Travisi

«Con questa app tracceremo le zanzare anche d'inverno. E scopriremo se mordono»

Alessandra Della Torre, del dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie Infettive La Sapienza di Roma, il vostro studio anche d’inverno. Perché?

«Le zanzare sono sensibili alle temperature, se l’autunno ha temperature alte la loro stagione si allunga. Con l’app vogliamo capire se d’inverno quelle adulte possono pungere, invece di interrompere lo sviluppo allo stadio di uova o larve. Nella stagione fredda bastano poche segnalazioni per avere informazioni sulla presenza degli adulti in qualche regione. D’estate segnalazioni maggiori servono per capire la distribuzione di specie note e individuarne di nuove».

Perché non possono trasmettere il Covid?

«Alcuni virus si diffondono con il sangue, per ingestione o via aerea come il Covid. La zanzara deve ingerirlo pungendo un infetto e poi moltiplicarlo per trasmetterlo a sua volta. Il Covid non è capace di moltiplicarsi nella zanzara».


Ultimo aggiornamento: Venerdì 9 Ottobre 2020, 04:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA