Zaky resta in carcere: «Mi hanno picchiato e mi tengono in un posto terribile con 35 detenuti e un solo bagno»

Zaky resta in carcere: «Mi hanno picchiato e mi tengono in un posto terribile con 35 detenuti e un solo bagno»

«Mi hanno picchiato e tenuto bendato». Sono queste le parole di  Patrick George Zaky, lo studente egiziano dell'Università di Bologna arrestato a Il Cairo per propaganda sovversiva, come riporta La Repubblica. Il ragazzo dovrà restare in carcere come stabilito dal tribunale di  Mansura, ma i legali continuano a tentare il tutto per tutto per scagionarlo.

Leggi anche > Roma, rimosso il murales con l'abbraccio Zaky-Regeni. La street artist Laika: «Faceva così tanta paura?»



Il ragazzo ha spiegato di essere stato bendato per 12 ore, di essere stato picchiato sul viso. Gli è stato chiesto di spogliarsi e gli sono state fatte delle domande, a cui ha detto di non aver risposto, in merito alla sua ong e a dei post su Facebook. Ai giornalisti in aula dice che sta bene, ma prima di essere portato in cella riesce a spiegare dei dettagli choc: «Mi tengono in un posto terribile: una cella con 35 detenuti e un solo bagno. Un grande stanzone con una porta piccolissima».

Gli avvocati spiegano che sta molto meglio, ma è spaventato. A nulla è servito spiegare che le prove che lo avrebbero incastrato sono false e che di fatto è stato sequestrato e torturato, per la giustizia egiziana deve rimanere in carcere. I legali speravano che la presenza di istituzioni pubbliche straniere e della stampa avrebbero spinto a un rilascio, ma le cose sono andate diversamente. 
Ultimo aggiornamento: Domenica 16 Febbraio 2020, 10:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA