Ponte Morandi, l'esperto: «Ipotesi bomba, ci sono elementi». Ma per la Procura sono deliri e fantasie

di Domenico Zurlo
Perché è crollato il Ponte Morandi, la cui tragedia ha causato decine di morti e uno choc che la città di Genova non dimenticherà facilmente? Sono ancora al vaglio degli inquirenti le varie ipotesi, ma una in particolare, la più terribile, si è fatta strada questa mattina, per via dell'opinione di un professore, Enzo Siviero, 73 anni: quest'ultimo, ingegnere padovano per anni docente allo Iuav, Università di architettura di Venezia, al Corriere del Veneto ha affermato di non poter escludere l'ipotesi dell'attentato. 

Genova, parla Bertolaso: «Il Ponte Morandi mi faceva paura, quando passavo in auto acceleravo»

Ipotesi, secondo Siviero, che non solo è compatibile, ma anche probabile oltre il 50%: «La dinamica - ha affermato l'esperto - è compatibile. Se sono state messe delle microcariche di un certo tipo in pochi secondi salta. Al momento è un'ipotesi che valuto sopra al 50 per cento. Ci sono dei lampi, c'è un crollo verticale, insomma ci sono molti elementi». «L’elemento è sceso su se stesso con una piccola rotazione: il fatto che la parte del pilone sottostante sia crollata, mi fa pensare che qualcuno l’abbia manomessa», ha detto.

LA "DIMOSTRAZIONE" DI SIVIERO AD UNA TV LOCALE
 

IL PM: DELIRI E FANTASIE Ma le autorità smentiscono seccamente l'ipotesi di Siviero: a partire dal procuratore capo di Genova, Francesco Cozzi, che rispondendo ad una domanda al riguardo non ha usato mezzi termini. «Sulla base degli elementi noti e conosciuti non ci sono evidenze di esplosioni né sono state trovate tracce di bombole di acetilene. Si parla di lampi e di fulmini ma non di esplosioni. Valutiamo tutto ma non le ipotesi deliranti e fantasiose», ha detto Cozzi. 



«Noi - prosegue il pm di Genova - dovremmo prendere in considerazione fattori eccezionali in grado da soli di determinare un evento. Questo lo dice il codice penale. Se c'è un bombardamento aereo non importa la condizione precedente del ponte». «Ma se una persona - ha concluso tornando sulle ipotesi del fulmine - è molto malata anche una influenza può determinare dei grandi effetti». 
Giovedì 30 Agosto 2018, 20:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA