Willy, sui social c'è chi esulta per la sua morte. Il videomaker ex leghista: «Che ci faceva in giro di notte?»

Willy, sui social c'è chi esulta per la sua morte. Il videomaker ex leghista: «Che ci faceva in giro di notte?»

La morte di Willy Monteiro Duarte, il 21enne massacrato a Colleferro, ha scatenato non solo l’indignazione della parte buona del paese e non solo, ma anche purtroppo gli istinti razzisti sui social. Non sono pochi infatti i commenti di chi esulta per la morte del giovane di origini capoverdiane, ucciso di botte a 21 anni per aver difeso un amico durante una rissa.

Leggi anche > Willy ucciso di botte, un parente degli arrestati: «Era solo un extracomunitario...»

Messaggi di odio, dettati dall’ignoranza ma anche e soprattutto dalla xenofobia e dal razzismo: «Siete degli eroi», scrive qualcuno, «avete tolto di mezzo una scimmia». La polizia postale di Latina sta indagando, scrive Repubblica: tra coloro finiti nel mirino ancheil videomaker Giorgio Di Folco, conosciuto come Giorgio Pistoia.

EDIT DEL 9 SETTEMBREFrancesco Zicchieri, coordinatore del Lazio per la Lega, chiarisce. “Questo personaggio, tale Giorgio di Folco, non è leghista, non è iscritto al movimento, non milita, non ha alcun legame con noi. Siamo lontanissimi dalle sue opinioni, sono deliranti e inconcepibili, e mai una simile persona può trovare spazio nella Lega. Nei confronti di Willy e della sua famiglia abbiamo espresso fin da subito la nostra vicinanza, solidarietà e rabbia per quanto accaduto” 

Videomaker e volto tv e radiofonico locale, Di Folco ha usato infatti parole scioccanti in alcuni video pubblicato su un suo canale social e poi rimossi: «Tanti italiani vengono massacrati ogni giorno da Mao Mao - dice in modo sprezzante, in riferimento agli immigrati - Piccolo Willy, ma che c… stavi a fare alle 2 di notte in giro? Se fate questa fine è normale…», le sue parole.

Un modo non troppo gentile per dire che il ragazzo se l’è cercata insomma. «Per me sempre immigrato sei, perché se sei nero in Italia non esistono persone nere. Sei italiano se sei bianco». Dalla Lega si affrettano a dire che Di Folco non fa parte della Lega, messo fuori da tempo: «Mi fa schifo la persona e quello che dice», il commento da parte di Francesco Zicchieri, coordinatore leghista nel Lazio.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 9 Settembre 2020, 12:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA