Viviana Parisi e Gioele, archiviata l'inchiesta per la morte di mamma e figlio

Viviana Parisi e Gioele, archiviata l'inchiesta per la morte di mamma e figlio

Il Gip del Tribunale di Patti (Messina), Eugenio Aliquò ha archiviato l'inchiesta sulla morte di Viviana Parisi, la deejay di 41 anni e del figlio Gioele Mondello, di 4 anni, trovati senza vita, nell'agosto 2020 nei boschi di Caronia (Messina). L'udienza preliminare si era tenuta lo scorso 22 ottobre e la decisione è stata depositata in cancelleria solo oggi. Il provvedimento con il quale il gip ha accolto la richiesta del Procuratore Angelo Cavallo è lungo quasi 500 pagine.

 

«Siamo consapevoli di aver fatto tutto quanto possibile per evitare l'archiviazione, e rimaniamo convinti che ci siano stati degli errori di valutazione. Quando avremo tutte le pagine dell'archiviazione del Gip, valutaremo eventuali altre azioni, al momento non conoscendone il contenuto non possiamo sbilanciarci». A dirlo l'avvocato Pietro Venuti, legale di Daniele Mondello, padre di Gioele e marito di Viviana Parisi trovati morti ad agosto del 2020 nelle campagne di Caronia. «Ora - prosegue - i corpi verranno restituti alla famiglia e nei prossimi giorni si svolgeranno i funerali».

No a nuovi esami, con tecniche in 3D, sui corpi di Viviana Parisi e il piccolo Gioele Mondello di 4 anni. Lo ha deciso il gip Eugenio Aliquò che ha archiviato l'inchiesta sulla morte della deejay trovata senza vita nell'agosto 2020 nei boschi di Caronia, sotto un traliccio, e del figlio rinvenuto dopo diversi giorni a centinaia di metri di distanza. A chiedere i nuovi esami è stata la famiglia della donna, attraverso i suoi legali.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 10 Novembre 2021, 15:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA