Vittorio Cecchi Gori ricoverato, come sta il produttore: «Ho una polmonite ma sono sereno»

Vittorio Cecchi Gori ricoverato, come sta il produttore: «Ho una polmonite ma sono sereno»

L'ex patron della Fiorentina si trova al Policlinico Gemelli di Roma

Vittorio Cecchi Goriricoverato al Policlinico Gemelli di Roma, rassicura tutti sulle proprie condizioni di salute: ecco come sta. il produttore cinematografico

 

Leggi anche > Pino Insegno si racconta: «Che fatica l'esordio con i porno, per doppiare Keanu Reeves ingannai Cecchi Gori»

 

Vittorio Cecchi Gori ricoverato, come sta

Il 79enne Cecchi Gori, ai domiciliari da marzo 2020 dopo la condanna definitiva in Cassazione a 5 anni e mezzo di reclusione per il fallimento della Safin Cinematografica, è stato ricoverato nella giornata di ieri. Il motivo del ricovero sono alcune complicazioni respiratorie causate dal Covid, che aveva avuto diversi mesi fa e da cui era guarito. Dal Gemelli, comunque, fanno sapere che le condizioni di Vittorio Cecchi Gori non sono particolarmente gravi.

 

Vittorio Cecchi Gori: «Ho una polmonite ma sono sereno, non è Covid»

«Ho solo una polmonite, niente Covid che in realtà ho già avuto e ne sono guarito»: così, con voce squillante, il produttore Vittorio Cecchi Gori risponde al telefono all'ANSA dall'ospedale Gemelli di Roma dove è ricoverato. «Sono sereno: il fatto è che a 80 anni ci si indebolisce, mi danno l'ossigeno, ma - ribadisce - niente Covid».

 

Vittorio Cecchi Gori, la condanna definitiva e i domiciliari

Vittorio Cecchi Gori si trova ai domiciliari nella sua casa romana ai Parioli, dopo la condanna definitiva per cui aveva già trascorso quattro mesi agli arresti nel 2008. Nel febbraio 2020 per il produttore era arrivato, su disposizione della procura generale di Roma, un ordine di di carcerazione per scontare un cumulo di pena di 8 anni, 5 mesi e 26 giorni relativi sia al crac Safin e che a quello relativo alla Fiorentina. Un ordine che gli era stato consegnato proprio al Gemelli. Il 7 marzo il giudice aveva poi disposto per il produttore i domiciliari, anche per i rischi legati all'emergenza coronavirus.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 26 Gennaio 2022, 13:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA