Aggredita e violentata mentre fa jogging: «Salvata da due runner». Arrestato un 16enne tunisino

La Maddalena, aggredita e violentata mentre fa jogging: «Salvata da due runner». Arrestato un 16enne tunisino

Stava facendo jogging in una zola isolata poco fuori dal centro abitato di La Maddalena, quando un ragazzo l'ha raggiunta ed aggredita alle spalle, per poi violentarla: la vittima è una donna di 40 anni, che è stata salvata dall'intervento di due persone che stavano facendo attività fisica nella zona e hanno subito chiamato i carabinieri. È successo ieri sera, sull'isola al largo della Sardegna.

Leggi anche > Crisi e lockdown: rischio suicidi mondiale. «In Italia 16 morti ad aprile»

Il presunto responsabile della violenza sarebbe un ragazzo di 16 anni tunisino, ospite di un centro di accoglienza per richiedenti asilo dove stava scontando una pena detentiva. Il giovane è stato arrestato dai carabinieri della locale stazione col supporto del nucleo operativo radiomobile del reparto territoriale di Olbia.
Sull'episodio, risalente alle 20 di ieri, è stata aperta un'inchiesta, ma l'attività investigativa condotta dai carabinieri - coordinati dal comandante del reparto di Olbia, col.Davide Crapa - non lascia spazio a dubbi.

Le urla della donna, che ha cercato di sottrarsi alla violenza con tutte le sue forze, hanno destato l'attenzione di due persone che stavano facendo attività fisica poco più in là e hanno subito allertato il 112. La pattuglia ha quindi chiesto l'intervento di un'ambulanza per accompagnare la vittima in ospedale: le sue condizioni fisiche sono parse buone, ma il trauma subito le ha provocato un gravissimo stato di choc. Sentendo le urla dei primi soccorritori, il giovane è scappato e si è dato alla macchia, nascondendosi tra un canneto e la vegetazione di un'area impervia, questo ha costretto gli uomini lanciati al suo inseguimento a braccarlo fino alle prime ore del mattino, quando è stato arrestato e trasferito a Sassari.

Ultimo aggiornamento: Martedì 12 Maggio 2020, 15:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA