Stuprata in stazione, i tre ci avevano già provato 20 giorni fa: «Ti chiediamo scusa», poi gli abusi

Stuprata in stazione, i tre ci avevano già provato 20 giorni fa: «Ti chiediamo scusa», poi gli abusi

L'hanno stuprata a turno in un ascensore di una stazione della Circumvesuviana, ma non era la prima volta che ci provavano. Gli aggressori, tre ragazzi tra i 18 e i 20 anni, della 24enne stuprata a San Giorgio a Cremano, Napoli, avevano già provato a violentarla nello stesso luogo, una ventina di giorni fa: la vittima era riuscita a divincolarsi ed era scappata, non aveva però denunciato l'accaduto.

Fermati tre ragazzi, hanno tra i 18 e i 20 anni

 
 

Ieri invece, col pretesto proprio di chiederle scusa per quel precedente, l'hanno invitata con insistenza a fumare uno spinello in loro compagnia: successivamente l'hanno aggredita, violentandola a turno. Ognuno entrava nel vano ascensore mentre uno degli altri due teneva ferme le porte: un'aggressione disumana da parte dei tre ragazzi giovanissimi, che sono stati poi identificati anche grazie ai loro profili Facebook, dopo la denuncia della vittima. I tre si sarebbero approfittati anche grazie alle particolari condizioni di debolezza psicofisica della 24enne. 

Lo stupro nell'ascensore della stazione della Circumvesuviana

La Polizia ha infatti ascoltato il conoscente della 24enne che tre settimane fa le aveva presentato i tre soggetti in questione: il comune conoscente ha fornito i loro nomi, e dai rispettivi profili Facebook la vittima ha riconosciuto i volti degli aggressori. Un riconoscimento suffragato dalle immagini riprese da una telecamera posizionata davanti all'ingresso dell'ascensore. Così nel giro di poche ore gli agenti della Polizia si sono recati a casa dei tre, fermandoli. 

Venti giorni fa il conoscente comune le aveva presentato i tre giovani di San Giorgio a Cremano: uno ha compiuto da poco 18 anni, gli altri due ne hanno 19. Due di loro sono già noti alle forze dell'ordine rispettivamente per porto abusivo di coltello e per rapina. Nel vano ascensore sono stati trovati fazzoletti di carta: sono già stati sottoposti a prelievo del dna, per la comparazione con le tracce biologiche repertate dalla Scientifica. 

Mercoledì 6 Marzo 2019, 16:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA