Vicenza, uccide madre e padre a colpi di pistola per l'eredità

Il duplice omicidio ieri pomeriggio a Chiampo, il figlio 25enne era scappato ma si è costituito nella notte

Vicenza, uccide madre e padre a colpi di pistola per l'eredità

Una coppia di coniugi 60enni, Sergio Gugole e Lorenza Zanin, è stata uccisa a colpi di pistola nella loro casa di Chiampo, in provincia di Venezia. Il responsabile del duplice omicidio è il figlio 25enne, Diego Gugole, che ha confessato di aver ucciso i genitori per l'eredità.

Leggi anche > Fabio Milan investito e ucciso mentre corre sull'argine. Aveva perso un figlio di 16 anni in un incidente

Vicenza, coppia uccisa dal figlio: l'omicidio e la fuga

L'omicidio è avvenuto martedì pomeriggio, nella casa dove i due coniugi, Sergio Gugole e Lorenza Zanin, vivevano con il figlio. Sul posto i carabinieri, che cercano di ricostruire la dinamica del delitto. Il 25enne, dopo aver ucciso entrambi i genitori con una pistola detenuta illegalmente, era uscito di casa, vagando per ore con la sua auto, per poi costituirsi, nella notte, presentandosi in una caserma dei carabinieri a Vicenza.

Vicenza, coppia uccisa: il figlio omicida in carcere

All'origine dell'accaduto vi potrebbero essere ragioni economiche: negli ultimi tempi erano frequenti le liti in famiglia proprio a causa dei soldi che il giovane pretendeva dai genitori. È stato già trasferito stamane in carcere il 25enne che ieri pomeriggio a Chiampo ha ucciso i genitori. Il padre in passato era stato proprietario di una conceria e proprio il denaro sarebbe il movente del duplice omicidio avvenuto, a quanto si apprende, al termine di un alterco.

Vicenza, coppia uccisa: il figlio confessa

Ha confessato di aver ucciso entrambi i genitori Diego Gugole, il giovane 25enne vicentino che ieri notte si è presentato ai carabinieri facendo scoprire successivamente nella casa di famiglia a Chiampo corpi del padre e della madre, freddati a colpi di pistola. Gugole ha prima reso dichiarazioni spontanee, poi si è attribuito la responsabilità del duplice delitto, nell'interrogatorio davanti al pm. Secondo la Procura di Vicenza, l'omicidio era stato pianificato da almeno un mese. Accusato di omicidio premeditato aggravato, il giovane, secondo i magistrati, puntava al denaro di famiglia, 800mila euro tra contanti e titoli.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 17 Marzo 2022, 20:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA