Assalito dalle vespe, muore sul tetto di casa per shock anafilattico: Alberto lascia moglie e due figli

Anagni, assalito dalle vespe muore sul tetto di casa per shock anafilattico: Alberto Fontana lascia moglie e due figli

Alberto Fontana è morto dopo essere stato punto da una vespa. E' morto a causa dello shock anafilattico provocato dalla puntura dell'insetto. Il 52 enne stava sistemando un pannello fotovoltaico sul tetto, quando è stato attaccato da uno sciame di vespe e per Alberto Fontana non c'è stato nulla da fare.

 

Leggi anche > Venezia: doccia dopo il tennis, Marco si accascia all'improvviso e muore a 58 anni

 

L'uomo, residente in località Osteria della Fontana ad Anagni in provincia di Frosinone, ha subito avvertito i familiari e sul posto sono arrivati i vigili del fuoco, un'automedica del 118 e un'ambulanza. A causa dello shock anafilattico i soccorritori hanno dovuto utilizzare il defibrillatore, ma dopo circa un'ora il cuore di Alberto Fontana ha smesso di battere. La causa della morte è stata l'arresto cardiocircolatorio dovuto proprio allo shock anafilattico provocato dal veleno dell'insetto. Fontana lascia la moglie e due figli.

Quest'oggi si sono celebrati i funerali nella chiesa di San Giuseppe Lavoratore in località Osteria della Fontana di Anagni. Il fatto riporta alla luce l'episodio analogo che costò la vita ad Anna Maria Ascenzi, moglie dell'ex consigliere comunale Mario Di Giulio. Anche la donna, nel 2018, fu punta da una vespa e il conseguente shock anafilattico la portò alla morte. All'epoca la tragedia aveva spinto i cittadini a organizzare una grande manifestazione per chiedere il miglioramento dell'offerta sanitaria in zona, proprio per evitare che in futuro si ripetessero casi simili. 

Come riportato dai giornali locali, Fontana è stato attaccato dalle vespe mentre stava sistemando un pannello dell'impianto fotovoltaico che si trovava sul tetto della sua villetta. 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 19 Luglio 2021, 16:53
© RIPRODUZIONE RISERVATA