Acqua alta a Venezia, raggiunto un nuovo picco: 104 centimetri

Venezia, acqua alta raggiunge nuovo picco: 104 centimetri

Nuovo picco dell'acqua alta oltre un metro a Venezia, anche se in misura inferiore rispetto al livello raggiunto ieri. Alle ore 9.20 sono stati infatti registrati 104 centimetri alla stazione di rilevamento di Punta della Salute. Con questo livello viene allagato circa il 10% del centro storico lagunare. Persistono sulla Laguna di Venezia le condizioni per il ripetersi dell'alta marea: il Centro Previsioni e Segnalazioni Maree comunale prevede per domani alle ore 9:10 la possibilità di un picco di 110 centimetri.



La marea è rimasta sopra i 100 centimetri anche oggi per più di due ore. La causa è l'oscillazione detta «sessa» generata dalla pioggia di ieri mattina. Nel loro passaggio - informa il Centro maree - le perturbazioni agiscono sulla marea con una sorta di stimolo impulsivo, come un sasso gettato in uno stagno, in seguito al quale l'Adriatico, a causa della sua morfologia, si comporta come una cavità risonante: al cessare dell'impulso rimane una situazione perturbata del livello marino, che si manifesta con una serie di oscillazioni longitudinali e trasversali, le «sesse», la cui ampiezza si smorza nel tempo. L'oscillazione fondamentale, longitudinale, ha un periodo di 22 ore circa, ed è la più importante generata da forti venti di scirocco. La marea potrà mantenersi su valori elevati per tutta la durata della prossima settimana. Da lunedì l'arrivo di un nuovo e profondo fronte atlantico potrebbe causare un ulteriore aumento del livello marino in corrispondenza con i massimi astronomici, portando valori che potrebbero essere anche importanti. Bisogna tuttavia aspettare le nuove previsioni meteorologiche per calcolare il passaggio della perturbazione in relazione alla marea astronomica.

Sabato 9 Novembre 2019, 12:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA