Variante Delta, Ilaria Capua: «Buca il vaccino, ma in forma non grave. Temo nuove chiusure e lockdown»

Variante Delta, Ilaria Capua: «Buca il vaccino, ma in forma non grave. Temo nuove chiusure e lockdown»

La variante Delta del Covid continua a preoccupare anche in relazione alla sua capacità di 'bucare il vaccino'. Un'eventualità che, secondo gli studi delle ultime settimane, se da un lato consente una certa tranquillità per quanto riguarda i ricoveri (il vaccino protegge quasi al 100% dalla forma grave della malattia), dall'altro allontana l'ipotesi di immunità di gregge. La virologa Ilaria Capua oggi sul Corriere della Sera non nasconde la sua preoccupazione, specie sui dati che vengono dagli Stati Uniti: secondo Capua l'aumento dei casi in Florida sta portando a parlare insistentemente di «breakthroughs», cioè delle cosiddette 'rotture', quando si dice cioè che un vaccino antinfluenzale «non ha funzionato».

Leggi anche > Bollettino Covid di venerdì 6 agosto: 6.599 nuovi positivi e 24 morti

Il pericolo, secondo Capua, è che dietro al «mi sono vaccinato e l'ho presa» spunti anche l'insicurezza di chi finisce a pensare che il vaccino sia inutile. La variante Delta, scrive la scienziata, «è diventata scivolosa e sfuggevole come un’anguilla», e le maglie del vaccino si stanno dimostrando un po' troppo larghe per fermare a pieno il virus. «Il muro di anticorpi indotti dai vaccini oggi in commercio era stato costruito per proteggerci da un virus che non è più lui», scrive sul Corriere Capua, che teme che con una popolazione vaccinata a macchia di leopardo si ricomincerà con le chiusure, le restrizioni, i lockdown e le zone rosse.

Leggi anche > Sette anziani morti: «Colpiti da nuova variante colombiana». Erano vaccinati

La variante Delta preoccupa molto, scrive l'esperta, «innanzitutto per la sua contagiosità: si ipotizzano tassi di contagio molto più elevati di quello che abbiamo visto finora». La brutta notizia, aggiunge, è che «la variante Delta sta provocando rotture vaccinali con casi sintomatici in persone vaccinate». Ma c'è anche una seconda brutta notizia: con la variante «l'effetto di abbattimento della trasmissione virale nei vaccinati sarebbe minore». In poche parole, spiega, se una persona vaccinata viene contagiata dalla Delta potrebbe sviluppare sintomi simil-influenzali, quasi sempre non gravi. Ma la buona notizia, aggiunge, è che «i vaccinati quasi certamente non finiranno in ospedale». Insomma, conclude la Capua, «se si è vaccinati il rischio di rimetterci la pelle o accorciare la propria vita di qualche anno è veramente bassissimo. Per i non vaccinati, visto come si comporta la variante Delta che ha messo l’elica del turbo, invece no». 


Ultimo aggiornamento: Venerdì 6 Agosto 2021, 20:14
© RIPRODUZIONE RISERVATA