Vaccino, problemi anche per la Johnson&Johnson: «Non possono garantire dosi pattuite con l'Ue». Dovevano essere 55 milioni

Video
di

Vaccini anti Covid, problemi anche per quello Johnson&Johnson. La casa farmaceutica ha infatti comunicato all'Unione Europea di avere problemi di approvvigionamento che potrebbero complicare i piani per fornire 55 milioni di dosi del suo vaccino contro il coronavirus nel secondo trimestre dell'anno. Lo hanno riferito fonti Ue all'agenzia Reuters.

 

Leggi anche > Il vaccino russo Sputnik sarà prodotto in Italia: «10 milioni di dosi entro fine anno»

 

La scorsa settimana J&J ha dichiarato all'Ue di avere problemi nel reperimento dei componenti del vaccino, il che si traduce in difficoltà ad arrivare alle 55 milioni di dosi entro la fine di giugno, ha riferito alla Reuters un funzionario europeo direttamente coinvolto in colloqui confidenziali con l'azienda statunitense.

 

Per J&J l'obiettivo non è comunque «impossibile» ma serve cautela. Questo vaccino contro il Covid-19, di cui serve una sola dose, dovrebbe essere approvato dall'Ema l'11 marzo. Le consegne potrebbero iniziare ad aprile. L'azienda si è impegnata a fornire 200 milioni di dosi entro la fine dell'anno. 


Ultimo aggiornamento: Martedì 9 Marzo 2021, 15:53
© RIPRODUZIONE RISERVATA